Dal suo esordio in Serie A, al rapporto con Juric e Pellegri, passando per la sua visita a Superga: Mandragora si racconta

Rolando Mandragora ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Torino Channel nella quale si è raccontato parlando di Scampia, dei suoi primi provini e del suo esordio in Serie A. In merito il numero 38 del Toro ha dichiarato: “A Scampia c’è brava gente e c’è gente che lavora. Mi ha portato dove sono, io continuerò sempre a difenderlo dalle voci che girano sul suo conto. I miei primi provini? Ho ricevuto tanti no. Ho girato l’Italia. Alla fine il provino col Genoa, che poi è stata la squadra che mi ha preso, è stato uno degli ultimi, a giugno, poco prima degli esami di terza media. A Genova ho trovato un secondo papà, Marco Pellegri (attuale team manager del Toro, ndr). Non è facile lasciare casa a 14 anni – ha proseguito Mandragora – la mamma e il papà faticavano a lasciarmi andare. C’era la possibilità anche di restare a Napoli, ma ho preferito andare via per provare un’esperienza diversa. Marco è stato importante per me e per tutti i ragazzi del convitto, ci tengo a ringraziarlo in pubblico. L’esordio in A contro la Juventus? E’ stata una grande emozione, mi ricordo ogni momento, lo stadio pieno. Bertolacci e Rincon, i miei compagni a centrocampo, mi hanno dato una grande mano”.

Mandragora: ”Juric ci sta dando molto e noi continuiamo a seguirlo”

Mandragora poi si è soffermato a parlare di Ivan Juric, spendendo parole al miele per il tecnico croato e parlando dell’ambiente che lo circonda. Anche in questo caso ha usato parole che faranno sicuramente molto piacere ai tifosi del Toro, soprattutto perché il centrocampista granata ha anche raccontato la sua visita a Superga. Queste le parole di Mandragora: “Juric è un allenatore molto attento al dettaglio, cura tutti gli aspetti, quello mentale, quello tecnico e tattico. Ci sta dando molto, noi siamo carichi e continuiamo a seguirlo. Forse l’impegno che metto la domenica è entrato nel cuore dei tifosi. L’ambiente mi piace, è caldo, è familiare, è un ambiente che può ambire a grandi palcoscenici. A Superga sono stato per conto mio, volevo toccare con mano le sensazioni che si provano. Ho trovato un clima surreale ed emozionante, è stato molto toccante.”

Rolando Mandragora
Rolando Mandragora
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 30-03-2022


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
James71
James71
1 mese fa

“Juric è un allenatore molto attento al dettaglio, cura tutti gli aspetti, quello mentale, quello tecnico e tattico. Ci sta dando molto, noi siamo carichi e continuiamo a seguirlo. Forse l’impegno che metto la domenica è entrato nel cuore dei tifosi. L’ambiente mi piace, è caldo, è familiare, è un… Leggi il resto »

mavafancairo
mavafancairo
1 mese fa
Reply to  James71

concordo sulla perdità di tempo e soldi procurata dagli ingaggi di Mazzarri e Giampaolo, oltretutto ad ennesimo e recidivo discapito del rafforzamento/completamento della rosa; concordo anche che con Juric si potrebbe tentare di aspirare a qualcosa, purtroppo non ho nessun motivo per credere (mentre ne ho ben 17 per non… Leggi il resto »

mavafancairo
mavafancairo
1 mese fa

buon giocatore anche se fragile dal punto di vista fisico, requisito d’altronde importante per approdare alla corte dei miracoli cairota, mi sarei aspettato almeno un paio di gol da parte sua ma è anche vero che il centrocampo dell’FC soffre notoriamente di stitichezza cronica (sulle punizioni, acuta) e che qualche… Leggi il resto »

odix77
odix77
1 mese fa
Reply to  mavafancairo

“buon giocatore anche se fragile dal punto di vista fisico,” mah! anche qui come sempre rimango perplesso. lo scorso anno è arrivato da noi e le ha giocate quasi tutte…. quest’anno ha avuto un infortunio , come capita ormai a qualunque giocatore di serie A. nonostante questo ha già fatto… Leggi il resto »

odix77
odix77
1 mese fa
Reply to  mavafancairo

requisito d’altronde importante per approdare alla corte dei miracoli cairota,” bremer , brekalo per esempio non hanno patito grandi problemi quindi ogni tanto il requisito salta.

mavafancairo
mavafancairo
1 mese fa
Reply to  odix77

e ci mancherebbe altro… siamo pur sempre una società di calcio (anche come organizzazione assomigliamo di più ad una bocciofila), non un nosocomio

odix77
odix77
1 mese fa

Da Gennaio dello scorso anno apparentemente i mercati hanno preso una piega leggermente diversa pur in situazioni pessi,me sia di classifica, di entusiasmo per non parlare di quelle economiche…. Mandragora arrivato su richiesta di Nicola (ah no scusate arrivato per fare una favore alla juve la nostra vera padrona, madde71… Leggi il resto »

Belotti, da Mancini un altro segnale: in Nazionale ora deve inseguire

Altro che punizione: Massa IV uomo, a Guida il big match di B