Tra gli ultimi nelle scorse stagioni a livello di corsa, il Torino ha recuperato sotto la guida di Juric, risalendo la classifica

Una cura efficace non soltanto sul piano dei risultati quella targata Juric, in casa Torino. Il tecnico granata è infatti stato in grado di dare la svolta anche dal punto di vista atletico. Sin dal suo arrivo, ha alzato la famosa asticella, pretendendo da subito il massimo ed i risultati si sono visti. I granata, dopo due stagioni da dimenticare sotto tutti i fronti, sono riusciti a risalire la china invertendo la rotta in questo inizio di stagione. Oltre al fronte realizzativo, il passo è cambiato anche su quello della corsa, facendo raggiungere loro numeri da fronti di classifica diversi.

Dopo due anni da dimenticare, Juric salva il Toro anche sulla parte atletica

“Testa bassa e pedalare”, l’imperativo importato da Juric in granata, si è rivelato particolarmente efficace. Sia nel 2019-2020 che nel 2020-2021 la situazione sotto la Mole non è stata delle più rosee. Oltre alla segregazione nella parte destra della classifica, il Toro ha infatti esternato parecchi problemi anche sul fronte atletico. La stessa posizione è infatti stata ricoperta per quanto riguarda la corsa. In entrambe le stagioni, è calato drasticamente il rendimento, trasposto poi anche nei risultati. Con il cambio di guardia in panchina però sono cambiate anche le priorità. La corsa è diventata una delle prerogative fondamentali per rendere funzionale il gioco di Juric, basato sull’ultra-offensività già a partire dal reparto difensivo.

Toro, è Zima il giocatore che corre di più

Esterni e non, tutti sono stati chiamati in causa dal croato, che è riuscito a far risalire la china fino alla settima posizione in sette giornate (con una media di 106.554 km a partita). Sono infatti i difensori i giocatori che corrono di più: la pole è di Zima con una media di 10.664 km registrati nei minuti in cui ha giocato. Tra i migliori cinque c’è poi anche Bremer, spesso chiamato in causa anche sul fronte offensivo grazie al suo spiccato senso del gol. Con lui, Pobega, Lukic e Mandragora. Un traguardo prima raggiungibile solo col binocolo è invece diventato realtà, rendendo questo Toro autore di prestazioni da Europa League. Non è però di certo finita qua: il margine di miglioramento c’è ed i presupposti anche.

Ivan Juric, head coach of Torino FC, speaks with David Zima of Torino FC during the Serie A football match between Torino FC and Juventus FC.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 09-10-2021


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
maximedv
maximedv
5 giorni fa

Più o meno in linea con quanto visto a Verona dove la squadra, come corsa, era intorno al nono, decimo, posto. Comunque, più che quanto, è importante come si corre

Torino-Genoa, in vendita i biglietti: prezzi e informazioni

Juric, al Toro partenza (quasi) come a Verona: il confronto