Moretti eletto Ambasciatore dello Sport: “Il sacrificio è uno dei valori più importanti”

di Veronica Guariso - 11 Febbraio 2019

Stamattina Moretti è stato nominato Ambasciatore dello Sport nell’evento “Che storia lo sport”, perché incarna i canoni e lo spirito

Questa mattina alle ore 11.30 si è svolto l’evento “Che storia lo sport“, svoltosi nell’aula consiliare di Palazzo Lascaris a Torino. Vari personaggi dello sport e della cultura sono stati premiati con una pergamena per il titolo di “Ambasciatori dello sport e del benessere“, che dovevano rispecchiare i canoni per essere considerati modelli di comportamento per le giovani generazioni, quali lo spirito di sacrificio, lealtà, correttezza, dedizione, tenacia, coraggio e rispetto dell’avversario. Tra questi anche Emiliano Moretti, difensore centrale del Torino FC, ritenuto esemplare nel rispetto e la sobrietà dentro e fuori dal campo. Il numero 24 della formazione granata ha rilasciato qualche dichiarazione a riguardo: “Io mi permetto di cercare di comportarmi nel miglior modo possibile nel rispetto della possibilità che ho tutti i giorni di fare questo splendido lavoro, nel rispetto di me stesso e degli altri. Cerco quindi di essere una persona se riesco, da poter guardare in modo positivo.

Moretti:” La cosa più importante è il percorso per arrivare all’obbiettivo”

Moretti ha proseguito parlando del sacrificio, un valore che secondo lui è importante assieme ad un po’ di sana fatica: “Il sacrificio incompreso? Credo che faccia parte della nostra cultura. Molto spesso si guarda più quello che è l’apparenza piuttosto che quello che c’è dietro. Sicuramente uno dei valori più importanti che si possono trasmettere ai ragazzi è proprio il fatto di sacrificarsi e di fare fatica, quella fatica sana che aiuta e consente di raggiungere determinati obbiettivi. Non è detto che un obbiettivo sia una vittoria o una sconfitta. Io credo che sia molto più importante il percorso che si fa per arrivare a quell’obbiettivo. Molto spesso il risultato finale è un premio in più o in meno ma conta veramente il giusto. Questo è uno dei valori che mi ha accompagnato fortunatamente per me in questi anni di carriera ed è qualcosa che mi fa piacere cercare di tramandare ad esempio ai miei figli“.

La premiazione è avvenuta davanti a Tiziana Nasi, presidente della Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici, e sono stati premiati, tra gli altri, anche Stefania Belmondo, Livio Berruti e Giovanni Pellielo.

più nuovi più vecchi
Notificami
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

Ce ne fossero come te..Emiliano…..ormai non ci sono più parole….un grande in tutti i sensi..

GranataDentro
Utente
GranataDentro

aahahha secondo me bara sulla carta di identità. Visto domenica mi sembrava un ragazzzino. ha perso solo un po’ in esplosività muscolare. Soprattutto rispetto a certi ragazzotti. Ma quando Okaka transitava dalel sue parti, la palla mica la vedeva tanto!

tric
Utente
tric

Premio strameritato!

alfonso53
Utente
alfonso53

Onori al Moro