Il brasiliano è andato oltre qualsiasi previsione. Il miglior difensore della Serie A merita, senza dubbi, un 10 pieno

Cosa aggiungere al premio conferito dalla Lega Serie A di miglior difensore del campionato. La stagione di Gleison Bremer assume quasi i tratti di una maratona che ha dell’incredibile. Per tutta l’annata il brasiliano è stato praticamente imbattibile. Un muro fatto di pelle e ossa e carisma da vendere. Un vero e proprio leader. Senza ombra di dubbio il trascinatore, il capo branco della rivoluzione adottata in pochissimo raggio di tempo da Ivan Juric. Un percorso quello dell’ex Atletico Mineiro che parte da lontano. Un ragazzo timido, dal grande potenziale, ma forse troppo acerbo per imporsi in un campionato di alto livello come quello italiano.

Pezzo dopo pezzo si è preso tutto. Quest’anno ha usato le maniere forti. Veri e propri sequestri di persona, a testa alta e a volto scoperto. Chiedete pure a Vlahovic, Osimhen, Immobile, Giroud e a tanti altri attaccanti di rilievo della Serie A. Meme su meme sulle piattaforme social, tutti a recitare più o meno lo stesso mantra: “(Giocatore X) nella tasca di Bremer”. Ci si è messo pure il Torino con il suo profilo twitter in inglese a cavalcare il trend, nell’occasione del derby di ritorno in cui il brasiliano ebbe nettamente la meglio su un Dusan Vlahovic in grandissima forma. Manifestazioni inedite che raccontano la nascita conclamata di una stella. Un upgrade sotto gli occhi di tutti in Serie A e nel panorama europeo, e ovviamente anche dello stesso Gleison. La cavalcata del brasiliano non sembra costruirsi limiti all’orizzonte e, sui queste ambiziose premesse, il suo destino non può che essere lontano da Torino. Funziona così (purtroppo), ma è più forte la riconoscenza che il rancore per non proseguire il cammino insieme.

Forse qualcosa di irripetibile

Bremer lascerà il Toro con statistiche da dominatore indiscusso. L’elenco è d’obbligo. E’ il difensore che ha intercettato in media il maggior numero di palloni a partita. Quello che ha vinto più duelli aerei. Il 98% di efficienza nel pressing bulgaro e delle azioni ad alta accelerazione. Senza dimenticare il rapporto con il gol. Tre in questa stagione, contro Salernitana, Udinese e Inter. Due in meno dello scorso anno, ma allo stesso tempo più di Zaza e Pellegri messi assieme e lo stesso bottino di un giocatore dal grande talento offensivo come Pjaca.

Forse chi segue il Torino, col passare degli anni, ha perso un po’ il palato fino. E’ facile esaltarsi per niente, ma in questo caso non si esagera nel dire che Bremer abbia conquistato tutti con l’irruenza di un carro armato. Sarà difficile pure per un giocatore dalla grande determinazione come lui ripetere quanto mostrato in questo 2021-2022. Giusto dunque incorniciare il tutto con un 9 pieno. Un riconoscimento per lui e Ivan Juric, che lo ha reso il più estroverso possibile. Un vera e propria masterclass in termini di lavoro dedicato a un singolo.

Voto: 10

Gleison Bremer
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 30-05-2022


9 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
1 mese fa

Campionato perfetto, spero non vada via per solo qualche milionetto

rokko110768
rokko110768
1 mese fa

Mi piace davvero tanto pensare al Bremer arrivato da perfetto sconosciuto e che debutta solo a fine campionato nel derby contro la gobba e contro CR7.
Un difficile punto di partenza affrontato al meglio e dal quale è partita la sua crescita, con tanto lavoro ed applicazione.
Crescita oggi esponenziale.

T
T
1 mese fa

Ma alla fine che voto gli ha dato? 9 pieno o 10 ??

Alla scoperta di Manor Solomon, il “Messi israeliano” che piace al Toro

I convocati di Mancini per la “Finalissima” con l’Argentina: Belotti c’è, fuori Ricci e Pobega