Pietro Pellegri è a caccia di conferme: servono quattro prestazioni per convincere il Toro a puntare su di lui

Il tempo stringe e lo sa bene Pietro Pellegri. Arrivato nella finestra di mercato di gennaio, ha a disposizione solamente quattro partite per convincere i granata a puntare su di lui anche il prossimo anno. Potrà però cominciare già da Empoli secondo quanto indicato da Juric nella conferenza di presentazione. Il tecnico vuole dargli un’altra chance da titolare dopo aver impiegato Sanabria per due consecutive nonostante la forma fisica precaria.

Pellegri, dal prestito alla conferma: serve una Lazio-bis per convincere

Arrivato in prestito dal Monaco dopo qualche diatriba per il cartellino con il Milan, Pellegri è stato impiegato poco nel corso della stagione. Solo cinque presenze totali per un totale di 93 minuti per lui. Non si è però risparmiato, cercando sempre di dire la sua e con la Lazio ci è riuscito al meglio: è arrivata proprio contor i biancocelesti la sua prima rete in granata, da trasformare ell’inizio di qualcosa di più grande.

Toro, Juric non ha dubbi su chi far partire titolare contro l’Empoli

Per far sì che ciò accada serve tempo, lo stesso che è disposto a concedergli Ivan Juric, già suo allenatore ai tempi del Genoa: “Domani la mia intenzione è dare l’opportunità a Pellegri“, così Juric in conferenza stampa. Quella contro l’Empoli può essere perciò l’occasione giusta per dimostrargli di essere l’uomo giusto per il Toro del futuro. Basterà solo saperla sfruttare al meglio e la palla qui passa a Pellegri.

Pietro Pellegri
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 01-05-2022


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
rotor
rotor
7 mesi fa

Il problema e’ l’integrita fisica,il fatto che il furbo Milan l’abbia sbolognato e’ oltremodo sospetto.

ardi06
ardi06
7 mesi fa

Mah, speriamo sia sano e cresca pure mentalmente. C’è poco tempo per valutarlo, sarebbe buono rinnovare il prestito con diritto

granatadellabassa
granatadellabassa
7 mesi fa

E sarebbe anche ora. Dobbiamo capire se è sano o no.

Da Jonathas a Niang e Fares: gli affari tra Mino Raiola e Cairo

Djidji: “È la mia miglior stagione: con Juric sono cresciuto”