Torino, quali sono gli obiettivi? La zona Europa League è già lontana

Toro, quali obiettivi? Zona Europa già lontana: il pericolo è la mediocrità

di Francesco Vittonetto - 25 Novembre 2019

Torino a più cinque sulla zona retrocessione ma a meno otto dall’Europa. E Mazzarri ha già eguagliato le sconfitte della scorsa stagione

Addì 25 novembre 2019: il Torino non rischia la retrocessione. Questo dice la classifica, almeno: i cinque punti di vantaggio sul terzultimo posto occupato dal Genoa sono un’assicurazione destinata a reggere almeno fino a questa sera, quando i rossoblu affronteranno la Spal (penultima) a Ferrara, e da rinsaldare assolutamente nello scontro diretto del “Ferraris” in programma sabato 30. La situazione, al momento, non allarma: oltre al Grifone tra il Toro e la zona rossa ci sono anche Lecce, Samp, Bologna, Sassuolo. Tutte hanno meno dei 14 punti detenuti da granata, Udinese e Milan. Magra consolazione, questa. Essere costretto a guardarsi le spalle è infatti l’esito a cui il Toro è giunto dopo un orrido bottino di sette sconfitte in tredici gare. Già, sette. Esattamente quelle accumulate nello scorso campionato. Ma alla 38^ giornata, non alla 13^.

Torino, il confronto con la classifica di un anno fa

Dietro e non avanti: gli occhi dell’ambiente granata puntano in direzione opposta rispetto a un anno fa. Di questi tempi, dopo il pari esterno col Cagliari del 26 novembre 2018, il Torino raggiungeva quota 18 punti e si assestava a meno due dal sesto posto, occupato dal Parma.

Ora invece l’ultima piazza utile per l’Europa League è distante otto lunghezze (l’Atalanta è a quota 22). Dopo tredici turni, il Toro di allora aveva vinto quattro volte – esattamente come quello attuale -, ma perso appena tre.

Cairo e Mazzarri, quali sono gli obiettivi?

Dodicesimo, reduce da cinque sconfitte nelle ultime otto e da otto gol subiti nelle ultime quattro: la fotografia della situazione in cui versano Belotti e soci non è proprio quella di una squadra pronta a puntare all’Europa. E qui arriva la domanda: quali sono, a questo punto, gli obiettivi stagionali?

Con questa media punti, e senza entusiasmo, il grande pericolo è la mediocrità. Quanto stride, questo, con un’estate di grandi progetti. Tenere tutti e aggiungere le ciliegine: il piano di Cairo, per ora, non paga.

più nuovi più vecchi
Notificami
sempregranata
Utente
sempregranata

A gennaio arriverà un bel giocatore bollito, tranquilli. Uno tipo Amauri, per intenderci, così tutto si risolve.

tony polster
Utente
tony polster

Articolo ottimista.il pericolo e’ la retrocessione.okkio che nelll’88-89 non eravamo cosi’ scarsi da retrocedere…

orso granata
Utente
orso granata

L’ho detto in tempi non sospetti: campionato finito alla ottava giornata e sono stato insultato. Ho scritto che abbiamo poco più che normali giocatori ma pessimi uomini: il rendimento di Izzo ( ha capito che non andrà agli europei)ed N’koulu ( non è stato ceduto)lo confermano.Non mi preoccupano i litigi… Leggi il resto »