Con l’attacco decimato, Juric cerca alternative: possibile ritorno del tridente di trequartisti visto nel Derby della Mole

Serie A che si avvicina e dubbi che crescono in casa Toro. I granata, freschi di vittoria con il Monza nell’ultima sfida dell’anno, devono fare i conti con un alcuni problemi in attacco: Pellegri è out e Sanabria continua a far fatica in fase realizzativi, si candida quindi per un posto da falso nove Nemanja Radonjic. Juric potrebbe infatti ripensare al tridente formato da soli trequartisti proposto nel derby, con il serbo che scalpita per ritagliarsi uno spazio.

Radonjic, periodo positivo con il Toro: ora serve continuità

Reduce da due buone prestazioni contro i club lombardi, l’ex Benfica è pronto a dare sfogo a tutta la rabbia e la garra che lo stanno caratterizzando. Grandi giocate e voglia di rivalsa per lui, che nel mirino ha solo un obiettivo: iniziare il 2023 al meglio. Giocare titolare al rientro dalla pausa potrebbe essere perciò il modo migliore per avvicinarsi alla meta. Con 7 match da titolare e 7 da subentrato, ha chiuso in crescendo, ma Juric va ancora convinto.

Toro, Juric pensa alle alternative in attacco

Se infatti Vlasic continua a macinare gol e giocate interessanti, e Miranchuk fa sempre ciò che deve fare, il caso di Radonjic è diverso. Meno costanza e più altalene per il serbo, a caccia di un equilibrio definitivo in grado di giovare sia alla squadra che a livello individuale. Giocare di più potrebbe fare al caso suo e chi lo s ameglio di Juric: il tecnico non ha mai smesso di dargli fiducia. ORa però vuole i risultati e Verona dovrà essere solo un punto di partenza.

Nemanja Radonjic
Nemanja Radonjic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 30-12-2022


19 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Davide69
Davide69
1 mese fa

Si , Radonic è in forma, può fare anche la punta , e se migliora ancora la condizione può fare anche il portiere ma per favore quando la finiamo con questo basso profilo… va bene proprio tutto eh??

mavafancairo
mavafancairo
1 mese fa
Reply to  Davide69

infatti… tutto tranne che avere una rosa completa

direibene18
direibene18
1 mese fa

Reda, vista la bassa stagione e la scomparsa di o REY , sarebbe opportuno ricordarlo al di là dei comunicati di lutto e dei minuti di raccoglimento.

leftwing
leftwing
1 mese fa
Reply to  direibene18

Concordo

Emil
Emil
1 mese fa

Per me Rado è devastante sulla fascia, a contatto con la riga , un po come lo era Cerci.

Emil
Emil
1 mese fa
Reply to  Emil

Per poi convergere in area , così scompiglio le difese

eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa
Reply to  Emil

Effettivamente le giocate di Cerci in particolare risultavano sostanzialmente prevedibili e lo stesso marcatore della squadra avversaria, dopo essere stato dribblato almeno tre volte, soltanto durante il secondo tempo riusciva a prendergli le contromisure.

leftwing
leftwing
1 mese fa
Reply to  Emil

Esatto!

eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa
Reply to  Emil

Effettivamente le giocate di Radonjic portano alla memoria quelle di Cerci. Tuttavia le migliori giocate di entrambi sono frutto di improvvisi “strappi” di velocità ai quali succedono pause in cui sembrano quasi avulsi dalla manovra. Solitamente i funamboli del pallone ossia i calciatori dotati allo stesso tempo di genialità e… Leggi il resto »

Last edited 1 mese fa by eugenio morosini
leftwing
leftwing
1 mese fa
Reply to  Emil

Esatto!

Il Toro non può fare a meno di Ricci: in pochi mesi è diventato indispensabile

Torino-Hellas Verona, riapre la vendita dei biglietti