Torino a 57 punti; è record in Serie A nell'era dei tre punti

Mazzarri raggiunge i 57 punti di Ventura: un altro record bruciato dal Toro

di Francesco Vittonetto - 5 Maggio 2019

Con 57 punti, il Torino di Mazzarri ha raggiunto quello di Ventura: nessuno aveva fatto così bene nell’era dei tre punti a vittoria

Il record assoluto l’ha cancellato Ronaldo, con la zuccata dell’1-1 che ha rimandato ancora l’impresa granata allo Stadium. Dal pari nel derby, però, il Torino di Mazzarri si ritaglia comunque un angolo di storia, perlomeno in quella ventennale della Serie A a tre punti per vittoria e a venti squadre (e dunque a partire dal 1995). Giunti alla giornata numero trentacinque, e con il prezioso punto conquistato in casa dei campioni d’Italia, i granata salgono a 57 lunghezze in classifica. Ovvero il primato di punti nella massima serie, conquistato da Ventura nella stagione che poi condusse all’Europa League (per la mancata concessione della licenza Uefa al Parma). Con una postilla: Cerci-Immobile e compagnia lo agguantarono al triplice fischio di Firenze, all’ultimo scoglio della stagione.

Torino, record di punti: tre giornate per migliorarlo

Ancora tre ne mancano, invece, al sipario sull’annata del Toro di WM: Sassuolo e Lazio in casa, Empoli al “Castellani”. Tre occasioni per macinare punti in chiave Europa e regalarsi il record solitario dell’era Cairo e dei dieci anni che l’hanno preceduta. Un riconoscimento non da poco, che certificherebbe (condizionale realisticamente destinato a sparire) tutta la bontà del campionato granata. Basta un punto, per staccare i 57 attuali e venturiani.

I sentori c’erano tutti. Alla 26^, dopo il 3-0 sul Chievo, i granata erano saliti a 41 lunghezze: mai nessuno, a quel punto del cammino, aveva raccolto tanto. E il trend è proseguito, fino ad un passo dal vertice degli albi granata.

Da Ventura a Mazzarri: Torino a 57 punti, è record

La sostanza è oltre ai punti, però. E anche in questo caso il Torino di Ventura è da stimolo per quello di Mazzarri. Il 27 aprile 2014, dopo la vittoria sull’Udinese alla 35^ giornata, i granata si assestarono al sesto posto a quota 52: come Verona e Lazio, con il quinto posto dell’Inter distante cinque spanne e il quarto, della Fiorentina, addirittura nove.

Copione ben diverso da quello post-pari nella stracittadina. L’attesa è per i risultati delle altre (Atalanta, Roma, Lazio e Milan nello specifico), ma intanto le distanze restano più che mai contenute – due, i punti di distacco dal quarto posto. “Continuiamo a lavorare e vediamo dove arriveremo alla fine”, commenta Ansaldi dallo Stadium. Lui e il Toro sperano in un finale da apoteosi. Che porterà dietro anche il record assoluto di punti dal 1995.

più nuovi più vecchi
Notificami
andrepinga
Utente
andrepinga

Solo applausi per lui e per questi ragazzi

rimbaud
Utente
rimbaud

Ho fatto un conto veloce.. con 2 punti. Vittoria saremmo quarti a un punto dall’Inter davanti ad atalanta e Roma..potrei essermi sbagliato , ma è un ulteriore conferma che questo è davvero un toro di altri tempi, difficile da battere per tutti. Con i 3 punti probabilmente sarebbe stato meglio… Leggi il resto »

rimbaud
Utente
rimbaud

Redazione sarebbe bello vedere anche dove sarebbe il toro se ci fossero ancora i due punti

Presumo anche più in alto