Il Toro è tra i club contrari alla ripresa: c’è il rischio serie B, è vero, ma dopo uno stop così lungo sarebbe come ricominciare quasi da zero

Ripresa sì, ripresa no. Il tema del (o dei) giorno, quello sul quale chiunque pensa di dover essere in dovere di dire qualcosa. Ministri e presidenti (della Lega, della Figc, dell’Aic e qualcosa staremo dimenticando) si sono spesi in repliche e controrepliche mentre in seno alla Lega di Serie A il fronte del no resta quello di minoranza. Otto club dicono no, appunto: non vogliono che il campionato riprenda, vogliono solo che questa stagione venga archiviata. Dimenticata. Anche il Toro è tra coloro che preferirebbero chiuderla qui: ma davvero per i granata il pericolo Serie B sarebbe così incombente? In realtà, se davvero la maggioranza dovesse votare per la ripresa ottenuto prima il sì del Governo, non sarebbe il Toro la più svantaggiata per la lotta per non retrocedere e in generale per il campionato. No, perché la grave emergenza al contrario ha stoppato una squadra granata in caduta libera. Sette ko di fila, reazione quasi nulla dopo il cambio di allenatore. Altri, invece, dovrebbero preoccuparsi.

Lazio e Atalanta: chi avrebbe fatto a meno dello stop

Pensare che il Toro possa fare peggio rispetto alle ultime partite prima dello stop forzato è veramente difficile. A preoccuparsi sono soprattutto le squadre davvero in pericolo: la Spal, il Brescia ma anche la Samp. E poi c’è anche chi ha condotto finora un campionato piuttosto anonimo – la Fiorentina – tra le squadre che secondo l’Adnkronos sarebbero firmatarie della lettera indirizzata alla Figc.

Sono davvero loro le squadre che avrebbero tutto da perdere? O piuttosto quelle che oggi spingono per ripartire. Davvero la Lazio dopo uno stop del genere pensa di poter ripartire con lo stesso slancio con cui aveva tenuto un ritmo scudetto? Davvero l’Atalanta, notoriamente più lenta ad ogni partenza, potrà pensare di essere la stessa dei miracoli di Champions e delle goleade di campionato? Sì, lo è in potenza, ma quanto servirà a Gasperini per raggiungere quella condizione?

Discutono di stop o ripartenza, le società, pensano a salvare la stagione o tentano di rilanciare, ma la verità è che quello che ricomincerà, se davvero accadrà, sarà una storia completamente nuova. Un nuovo campionato nel campionato, in cui al massimo il Toro potrà rialzarsi. Fare peggio di quella squadra in caduta libera è impossibile.

Belotti e Rincon
Belotti e Rincon in Milan-Torino
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 21-04-2020


Torino-Wolves, Ansaldi svela un retroscena della vigilia: “Quella chiamata di Mazzarri…”

Torino, le partite in casa al Filadelfia: l’idea fa sognare i tifosi, ma è realizzabile?