Ecco quali sono gli aspetti top e quelli flop di Torino-Roma, partita d’esordio dei granata nel nuovo campionato di serie A

Torino-Roma non è stata la partita che i tifosi granata si aspettavano. Il nuovo campionato di serie A della formazione granata è infatti iniziata con una sconfitta arrivata proprio nei minuti finali, quando Edin Dzeko ha realizzato un gol capolavoro che ha condannato la squadra di Walter Mazzarri al primo ko stagionale. Ma la partita del Grande Torino, nonostante il risultato negativo, ha offerto anche diversi spunti positivi: ecco allora quali sono i Top e i Flop del match di domenica sera.

Torino-Roma: i Top

La prova dei tre centrali: è stata praticamente perfetta la prova offerta dai tre centrali difensivi, Armando Izzo, Nicolas Nkoulou e Emiliano Moretti. Sempre puntuali e precisi negli interventi, hanno risolto diverse situazioni complicate.

L’esordio di Aina: vero, sul gol di Dzeko ha diverse responsabilità, ma il giovane terzino nigeriano fino a quel momento era stato autore di un’ottima gara. Esordire contro la Roma, subentrando a partita in corsa all’infortunato De Silvestri, non era affatto semplice.

L’impegno di Falque: non ha ancora deciso se restare o partire, ma in campo contro la Roma Iago Falque non ha certo dato l’impressione di essere stanco di indossare la maglia granata. Ha dato tutto, non ha mai tolto la gamba ed è stato il protagonista di tutte le azioni più importanti del Torino.

Torino-Roma: i Flop

Gli infortuni: perdere un giocatore per infortunio dopo neanche mezz’ora di gioco è sfortuna, perderne poi anche un altro per una distorsione alla caviglia è proprio jella nera. In Torino-Roma la Dea Bendata non è stata dalla parte di Mazzarri e gli infortuni occorsi a De Silvestri e Izzo ne sono la dimostrazione.

Lo sfogo di Falque: non sono tanto le parole, più che legittime, pronunciate da Falque nel post partita a essere considerato un aspetto negativo di Torino-Roma, quanto le conseguenze di quelle dichiarazioni. Come se la sconfitta non bastasse, i tifosi devono anche fare i conti con il timore che lo spagnolo possa partire.

La sfuriata di Petrachi: difendere la propria società quando è danneggiata è un atto doveroso da parte della società, in questo caso però la rabbia a fine gara di Petrachi per le decisioni arbitrali, manifestata con le dure dichiarazioni in sala stampa, è sembrata un po’ esagerata (il gol di Falque era irregolare e il rigore non è sembrato esserci).


12 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Gigi Meroni
Gigi Meroni
3 anni fa

Dal mio punto di vista gli unici “top” sono Sirigu e Falque. Il resto della squadra é ancora mediocre (compreso l’allenatore).

Roberto (RDS 63)
Roberto (RDS 63)
3 anni fa

Quando nei derby ci buttavano fuori Acquah e con lo stesso tipo di fallo ci segnarono un gol….rimase in silenzio, strano questo comportamento.

granatadellabassa
granatadellabassa
3 anni fa

Esagerato mettere Petrachi nei flop. Sono anni che ci lamentiamo di una società passiva e ora che si alza la voce tutti a fare i moralisti?
Forse non era il caso di protestare già alla prima ma a me questo cambio di rotta fa piacere.

10.446 abbonati: il Torino può ancora sperare di raggiungere la vecchia quota

Ansaldi sì, De Silvestri forse: per l’Inter certezze e dubbi sulle fasce