E’ dal derby del 2015 che il Torino non batte una prima classificata. Domenica l’occasione con i rossoneri per invertire il trend

Il Toro affronterà domenica sera il Milan per il posticipo della domenica di Serie A. La squadra allenata da Stefano Pioli sta vivendo un sogno: a sette giornate dal termine guarda tutti dall’alto verso il basso e sarebbe lo stesso prima, anche se l’Inter dovesse vincere il tanto agognato recupero col Bologna. Un idillio che, per consuetudine delle ultime annate, il Toro non riesce a stroncare. I granata aspettano da un bel po’ di rovinare la festa a una squadra lanciata verso il titolo. Non accade addirittura dall’aprile del 2015.

Torino: quest’anno k.o. contro Napoli e Inter

In questo campionato il Toro di Juric si è dovuto confrontare già in due occasioni contro squadre che in quel momento occupavano la prima piazza. All’ottava giornata di campionato il Toro si è trovato di fronte un Napoli lanciatissimo, ancora a punteggio pieno. E’ bastato un gol di Osimhen agli azzurri per sbarazzarsi dei granata. Stesso risultato maturato nell’ultimo match del 2021, quando erano ospiti dell’Inter. Dumfries consegna altri tre punti alla capolista, a conferma di una tendenza che si verifica dal oltre sette anni.

Nel 2019 l’ultimo punto raccolto

Sempre l’Inter, allenata da Antonio Conte, si è presa gioco dei granata lo scorso marzo col risultato di 1-2. Gli anni precedenti confrontarsi contro la prima classificata, significava scontrarsi con la Juventus. Nella stagione 2019-2020 due k.o. contro la capolista, mentre l’anno prima, il 3 maggio 2019, il Toro ha sgraffignato un punto ai bianconeri, per quello che resta al momento l’ultimo con una squadra di vertice. Per non parlare del capitolo vittorie. L’ultima volta che il Toro ha battuto una formazione di testa è concomitante con l’unico derby conquistato nel terzo millennio. Una tendenza piuttosto preoccupante e che si spera possa essere invertita già da domenica, nonostante la serrata lotta per il titolo. Il Toro potrebbe trovarsi di fronte a una prima classificata anche nelle prossime puntate. Prima il Milan, poi l’8 maggio il Napoli. Togliersi una soddisfazione contro una delle due contendenti allo Scudetto rappresenterebbe un’importante segnale di crescita.

Gleison Bremer in Milan-Torino
Gleison Bremer in Milan-Torino
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 07-04-2022


11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mavafancairo
mavafancairo
1 mese fa

il bilancio della DireiBeneFC con le cosiddette grandi non è che una delle tante perle che questa società di cartapesta può annoverare nella sua straordinaria collezione di primati negativi

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
1 mese fa

Anch’io firmerei per un pari.
Altro passettino verso i 40 fatidici.

eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa

Sottoscrivo assolutamente un pareggio. Infatti ritengo che anche il pareggio contro la capolista Milan sarebbe un importante iniezione di fiducia e autostima per l’intero gruppo squadra. A questo proposito sotto l’ aspetto tecnico, tattico e agonistico è necessario e auspicabile replicare l’ottima prestazione collettiva offerta in occasione del recente pareggio… Leggi il resto »

Juric chiama i tifosi per il Milan. E quell’appello: “Speriamo non arrivino in tanti da Milano…”

Da Rodriguez a Pobega passando per Pellegri: ecco gli ex di Toro-Milan