Dopo aver saltato la partita contro il Parma per squalifica Verdi e Mandragora tornano a disposizione di Nicola

Dopo aver scontato una giornata di stop per squalifica Verdi e Mandragora potranno scendere in campo domenica pomeriggio nel match in cui la squadra granata affronterà l’Hellas Verona. Nel match contro il Parma si è sentita l’assenza del numero 24 e del numero 38 granata a centrocampo ma, nonostante queste due assenze, il Toro è riuscito ad avere la meglio portando a casa 3 punti fondamentali per la lotta salvezza. Il rientro di Verdi e Mandragora in mezzo al campo contro la squadra di Juric sarà molto importante per poter permettere al Toro di portare a casa un altro risultato positivo cercando così di allontanarsi sempre di più dalle zone basse e insidiose della classifica. Anche perché c’è ancora una squadra che a fine anno retrocederà in serie B.

Verdi da mezzala rende di più

Simone Verdi da quando Nicola ha deciso di cambiargli posizione e di impiegarlo da mezzala sta collezionando una serie di prestazioni più positive rispetto a quelle precedenti. Spesso il numero 24 del Toro ha dato degli spunti molto interessanti ai compagni e spesso i palloni sono passati tra i piedi di Verdi finalmente più incisivo. Anche se nell’ultimo match giocato da Verdi contro il Napoli i granata hanno portato a casa una sconfitta e il numero 24 granata ha disputato una brutta partita, tanto da essere sostituito a gara in corso da Linetty. Ma Nicola continuerà da qui a fine stagione a puntare su Verdi, perché anche lui dovrà dare una mano ai granata a raggiungere l’obiettivo stagionale.

Mandragora dovrà rifarsi dopo la brutta prestazione contro il Napoli

Oltre a Verdi un altro giocatore che ha deluso nella partita contro il Napoli è stato Mandragora. Il numero 38 granata infatti, in occasione del primo gol azzurro, perde il duello fisico con Bakayoko. Poi il centrocampista del Toro non è mai riuscito a mettere ordine in mezzo al campo, risultando assente anche con la testa tanto da farsi cacciare per doppia ammonizione. Questa prestazione negativa non va a incidere però sull’ottimo impatto che Mandragora ha avuto con il Toro collezionando fin qui 12 presenze e trovando per 3 volte la via del gol. L’ultima volta il numero 38 del Toro ha segnato un grande rete contro il Bologna che ha permesso ai granata di agguantare il pareggio. Il Mandragora che scenderà in campo contro il Verona non dovrà essere certo quello che si è visto contro il Napoli ma quello delle partite precedenti.

Rolando Mandragora
Rolando Mandragora
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 06-05-2021


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
granatadellabassa
granatadellabassa
5 mesi fa

Avremo 5 partite in due settimane e quindi servirà alternare qualche giocatore sia per avere forze fresche ma anche per adattarsi agli avversari. Fermo restando che Mandragora è un punto fermo, se si deve far gioco (Verona, Spezia e Benevento) è giusto avere in campo anche Verdi con Baselli pronto… Leggi il resto »

Troposfera Granata
Troposfera Granata
5 mesi fa

Io farei spazio a Lukic.
RINCON MANDRAGORA LUKIC e nel secondo tempo BASELLI al posto di Rincon.

T9
T9
5 mesi fa

Ma ieri Rincon non lo avevi messo in panca?

Troposfera Granata
Troposfera Granata
5 mesi fa
Reply to  T9

Per me il centrocampo migliore è LUKIC MANDRAGORA BASELLI, senza ombra di dubbio. Però attualmente Baselli è giù di tono, per cui Rincon dentro dal primo minuto per dare grinta al centrocampo, poi a squadre stanche dentro Baselli che può far valere il suo tasso tecnico.

odix77
odix77
5 mesi fa

torna verdi, che fortunaaaaaaa….. speriamo solo faccia bene e qualcuno se lo venga a prendere in estate ma dubito di entrambe le cose

Il “Belotti furioso”: ma la rabbia del Gallo è un segnale positivo

Vojvoda convince: è l’unico a salvare il mercato estivo di Vagnati