Juric e Tudor, entrambi nati a Spalato, sono pronti a sfidarsi. Tra i due c’è un rapporto di amicizia oltre che di stima

La sfida tra Hellas Verona e Toro si sta avvicinando sempre di più e sarà un match che non avrà una grande posta in palio né per i veronesi né per i granata, con entrambe le squadre che galleggiano a metà classifica. Ma sicuramente sabato pomeriggio nessuna delle due squadre vorrà sfigurare, con una partita che sulle panchine metterà contro due allenatori che sono molto amici. Ivan Juric e Igor Tudor, entrambi nati a Spalato, si conoscono da quando erano bambini e nel corso degli anni hanno sempre avuto un ottimo rapporto anche fatto di stima. Nell’ottobre del 2020 Tudor definì addirittura Juric un ”genio del calcio” infatti, l’attuale tecnico dell’Hellas Verona all’ora collaboratore di Andrea Pirlo alla Juventus, dichiarò: “Ivan è un genio del calcio. Va capito, supportato, aiutato e sempre coinvolto, ma se messo in condizione dà tutto e fa miracoli. Credo che al momento in Italia sia tra i primi tre o quattro allenatori più forti”. Juric invece dal canto suo disse che per lui Tudor è come un fratello.

Tudor non è mai riuscito a battere Juric

In passato Juric e Tudor si sono affrontati solamente in due occasioni. La prima risale al 24 settembre 2019 quando Juric siedeva sulla panchina dell’Hellas Verona, mentre il connazionale era l’allenatore dell’Udinese. Quella sfida, che si disputò tra le mura dello stadio Bentegodi, terminò 0-0. Mentre il secondo scontro tra i due tecnici croati risale al girone d’andata, quando il Toro di Juric sconfisse l’Hellas Verona di Tudor 1-0 grazie alla rete siglata da Tommaso Pobega. Ovviamente Tudor spera che sabato pomeriggio possa andargli meglio ma sicuramente Juric, nonostante la bella amicizia che li lega, farà di tutto per dare del filo da torcere a Tudor. Soprattutto perché il Toro vuole finire il più in alto possibile questo campionato che è stato molto buono.

Igor Tudor
Igor Tudor
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 11-05-2022


Toro, ipotesi doppio ritiro estivo: entrambi in Austria

Torna Lukic, ora è di nuovo ballottaggio tra Pobega e Mandragora