Vojvoda, reduce dalla partita contro la Roma durata solo 30 minuti, vuole rialzare la testa in vista della seconda parte della stagione

Il Mondiale in Qatar sta proseguendo e piano piano si sta avviando verso la sua fase conclusiva. Proprio per questo i vari club di Serie A stanno ricominciando ad allenarsi e a scaldare i motori in vista della ripresa del campionato che avverrà nella prima parte di gennaio. Il Toro si appresta a volare nei prossimi giorni in Spagna, per essere più precisi a San Pedro del Pinatar per svolgere il ritiro invernale. Tra i giocatori che partiranno per il periodo di lavoro in terra spagnola ci sarà Mergim Vojvoda. Il kosovaro nella prima parte della stagione non ha brillato come Ivan Juric sperava e si aspettava, ma ha tanta voglia di rialzare la testa al più presto per cercare di riconquistare la fiducia dell’ex tecnico di Crotone e Genoa. Il numero 27 del Toro sa di poter e di dover dare molto di più e vuole tornare ad essere quel Vojvoda che nella scorsa stagione aveva stupito tutti per i grandissimi passi avanti, ottenuti  grazie soprattutto al grande lavoro che Juric ha compiuto con lui. L’esterno kosovaro dunque vuole tornare a splendere dopo un periodo buio.

Vojovoda: la prestazione di Roma chiede vendetta

E poi per Vojvoda c’è quella prestazione rimediata a Roma e durata solo 30 minuti da vendicare. Infatti, contro i giallorossi dopo pochi minuti, senza neanche aspettare la fine della prima frazione di gioco, Juric aveva deciso di togliere il difensore ex Standard Liegi per scelta tecnica perché Vojvoda stava commettendo troppi errori. Quella prova nessuno se l’è dimenticata e toccherà a Vojvoda farla scordare a tutti il prima possibile e il miglior modo per farlo è sicuramente quello di rilanciarsi e dimostrare quanto veramente vale. In più il numero 27 granata potrà anche approfittare degli infortuni di Ola Aina e Wilfred Singo, che fanno scalare le gerarchie al kosovaro che non vede l’ora di rimettersi in gioco.

Mergim Vojvoda
Mergim Vojvoda
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 08-12-2022


16 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Andreas
Andreas
1 mese fa

la testa non deve rialzarla poichè l’ha già alta per rendimento e dedizione. 30 min. con la Roma non sono così influenti

maximedv
maximedv
1 mese fa

Anche Vojvoda mi sembra sia in scadenza nel 2024 e leggevo con un rinnovo molto difficile. La mia sensazione è che a giugno gli esterni cambieranno. Poi, ovviamente, dipende anche dalla permanenza di juric

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa
Reply to  maximedv

Ovvio che se la durata massima di un contratto professionistico e’ 5 anni, il 40% dei contratti, in media, scade nel 2023 o 2024 (con il restante 60% nel 2026, 2027 o 2028). Oltretutto, con la questione per aria delle plusvalenze gonfiate/pagamenti in nero da parte di gobbi e affini,… Leggi il resto »

Scimmionelli
Scimmionelli
1 mese fa
Reply to  Scimmionelli

* 2025, 2026 o 2027

eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa

Vojvoda ha definito sé stesso “un soldato” del pallone per evidenziare l’animo combattivo e la massima dedizione con la quale affronta la professione. Ad oggi il suo rendimento si è rivelato sostanzialmente alterno per qualità tecnica delle prestazioni individuali e quindi discontinuo. Nei parametri di valutazione personale ritengo che il… Leggi il resto »

odix77
odix77
1 mese fa

voivoda arrivava da un’ottima stagione lo scorso anno,. ricordo che era il top assist per rendimento… quest’anno hai ragione ma non può passare inossservato il fatto che ha avuto una serie di infortuni e quindi ben poca continuità…. io per applicazione come dici spero si riprenda.

eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa
Reply to  odix77

Concordo sostanzialmente.

Schuurs parte per la Spagna: il ritiro per tornare al top

Torino: con l’infortunio di Linetty è emergenza (anche) a centrocampo