Dopo il gol realizzato all’andata, il colombiano offre una prova deludente a Marassi. Il duello se lo aggiudica M’Baye Niang

Dal rischioso (e talvolta beffardo) gioco del ‘sarebbe potuto essere’, il Toro esce indenne questa volta. A Marassi, Duvan Zapata è rimasto a secco e ha offerto una prestazione opaca al cospetto della buona organizzazione difensiva dei granata. A lungo inseguito in estate, e molto vicino ad indossare la casacca del sodalizio piemontese, il centravanti colombiano ex Napoli aveva infine trovato casa a Genova sul finire del mercato estivo. Sette i gol realizzati finora in campionato, conditi da cinque assist e dal buon feeling con la spalla Quagliarella. E la prima gioia arrivò proprio all’esordio in blucerchiato nella gara d’andata contro il Torino, a pochi secondi dal fischio d’inizio: quella volta sì, il destino schernì apertamente i granata. Non così un girone dopo. La guardia di N’Koulou e Burdisso, unita alla grande compattezza impressa dal 4-4-1-1 mazzarriano, hanno annullato Zapata, mai pericoloso nei 58’ in cui Giampaolo lo ha tenuto in campo.

E così il duello a distanza con Niang non può che incoronare l’attaccante granata, autore invece di una prestazione di discreto livello, in stretta continuità con la crescita mostrata nell’ultimo mese. Il gol non è arrivato per il senegalese, che pure ci ha provato in diverse occasioni – bravo Viviano ad arginare i suoi tentativi più pericolosi -, ma a dare fiducia è una condizione fisica in netto miglioramento che gli permette di offrire finalmente le sue qualità alla manovra offensiva granata. Qualche primo – seppur ancora troppo debole – segnale per giustificare il grosso investimento fatto in estate dal Torino per aggiudicarselo. Da vedere, ora, come Mazzarri sfrutterà la sua crescita con il ritorno a pieno regime di Belotti. Convivenza o alternanza? Domenica, contro l’Udinese, arriveranno le prime risposte.


8 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
andrepinga
andrepinga
4 anni fa

Se e dico se corrono tutti e 3, Niang a sinistra Belotti al centro iago a destra e un tridente ottimo.

Peterpann
Peterpann
4 anni fa

Che bello (aaargh) il Toro degradato a “sodalizio piemontese”…. molto pittoresco.

spliff
spliff
4 anni fa

Ot.. Due giornate di squalifica a Mazzarri?!?!! Caspio gli ha detto all’arbitro.. che l’avrebbe sguozzato come nu porco?!

Da Baselli a Barreca: la linea verde di Di Biagio potrebbe premiare il Torino in Nazionale

Toro, la rivoluzione organizzata di Mazzarri: la prova di Marassi è figlia della tattica