Con l’arrivo di Ljajic e Iago Falque il numero degli attaccanti a disposizione del tecnico serbo è salito a otto. Difficilmente ci sarà spazio per tutti.

Belotti, Ljajic, Iago Falque, Maxi Lopez, Martinez, Boye, Parigini e Aramu. Sono questi gli attaccanti attualmente a disposizione di Sinisa Mihajlovic. L’allenatore sta osservando con rispetto il lavoro di tutti, dai nuovi arrivati, alle vecchie conoscenze, passando per i più giovani. Non è un segreto che il reparto offensivo del suo Toro sarà formato dal tridente, con due esterni e un centravanti, o con un trequartista a supporto della coppia d’attacco. Per questo, sicuramente il tecnico vorrà avere a disposizione almeno tre titolari e tre riserve pronte a subentrare nel corso di tutta la stagione.

Otto attaccanti sono sicuramente troppi: il rischio per il giocatore più indietro nelle gerarchie dell’allenatore sarebbe quello di vivere un’intera stagione da spettatore. Per questo motivo il tecnico potrebbe decidere di confermare solo 6/7 ragazzi tra quelli attualmente a disposizione. Ljajic, Iago, Belotti e Maxi Lopez sono ovviamente intoccabili, Martinez può trovare nuovo smalto nel ruolo di esterno, vista la sua grande velocità. Gli attaccanti maggiormente a rischio esclusione sono quindi i giovani Boyè, Parigini e Aramu.

Boyè è stato impiegato in entrambi i primi tempi delle amichevoli contro l’Olympic Morbegno e CasateseRogoredo. Paragini non è stato impiegato nella prima amichevole, a causa di problemi fisici, e non ha trovato spazio nemmeno contro la CasateseRogoredo, chiuso dall’esordio dei nuovi arrivati Ljajic e Iago. Aramu è invece stato protagonista del primo tempo dell’amichevole contro l’Olympic Morbegno, ma non ha giocato la partita di ieri.

L’esclusione da questi match non può certamente dare la certezza di una loro prossima esclusione, ma può rappresentare un indizio: Mihajlovic ha preferito vedere ancora una volta per un tempo intero Boye, piuttosto che i due giovani italiani. I fattori dell’esclusione possono essere molteplici e non possono suonare come un campanello d’allarme definitivo. L’abbondanza dell’attacco granata fa, però, presagire almeno un’esclusione: Aramu e Parigini hanno ancora pochi giorni per convincere l’allenatore.

TAG:
parigini

ultimo aggiornamento: 22-07-2016


53 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Mondoalzalasedia
Mondoalzalasedia(@mondoalzalasedia)
5 anni fa

Fosse una volta che riesco a mettere il commento dove vorrei.

Mondoalzalasedia
Mondoalzalasedia(@mondoalzalasedia)
5 anni fa

Io sono un tifoso, mai vorrei avere quelle responsabilità. Voglio dire che entrambi hanno già giocato da mezzala, forse con due attaccanti, però l’hanno fatto.

Mondoalzalasedia
Mondoalzalasedia(@mondoalzalasedia)
5 anni fa

Oltre tutto, per la serie troppi attaccanti, Iago e Aramu sanno anche giocare più indietro.

carbonaro doc
carbonaro doc(@carbonaro-doc)
5 anni fa

E tu retrocederesti a centrocampista iago per far spazio a aramu?

Sinceramente, non credo che miha gradirebbe 🙂

Cairo tra scaramanzia e ambizione: “Europa? Stiamo investendo…”

Falque: “Ho scelto la squadra migliore per me”