Grazie alla mentalità del tecnico serbo, i granata sembrano non nascondersi più e aver acquisito consapevolezza di quello che può non essere solo un sogno, bensì un obiettivo, l’Europa

Dal primo momento in cui Mihajlovic è arrivato al Torino tutti erano consapevoli della personalità del tecnico serbo e della sua voglia di vincere, cosa che l’ex Milan non ha mai nascosto. Proprio questa mentalità di voler puntare sempre in alto, senza nessuna paura, è stata una delle sue qualità principali che ha fatto sì che divenisse noto e apprezzato in ogni squadra in cui ha militato, sia da giocatore sia da allenatore. Neanche il Toro quest’anno ha fatto eccezione né è sfuggito alla lezione di Mihajlovic, uno che il comprimario non l’ha mai fatto né vorrà mai farlo.

Pertanto, se c’è da puntare all’Europa, come più volte ha dichiarato, bisogna farlo davvero, senza continuare a dire che può essere un sogno e non un obiettivo. Questa è la lezione con cui il tecnico serbo ha strigliato i suoi giocatori, dichiarando apertamente, alla fine del match vinto contro la Fiorentina: “Nessuno ti può dire che i sogni non si possono realizzare, e questo è il nostro” e poi continuando col dire che  i miei giocatori non devono nascondersi, devono sapere qual è l’obiettivo”. Parole forti e recepite perfettamente dai giocatori del Toro che, al contrario dello scorso anno, adesso non negano di voler puntare ad un piazzamento in Europa. Primo fra tutti, Benassi, che ieri ha indossato anche la fascia di capitano e che ha chiaramente affermato, in linea con il suo allenatore, di volere “provare a raggiungere questo obiettivo dell’Europa”. Dichiarazioni, queste, che durante la scorsa stagione sono mancate anche in momenti in cui il Toro si trovava nelle prime posizioni della classifica.

Mihajlovic non ha, quindi, portato solo un sistema di gioco differente da quello di Ventura, ma ha anche inculcato nella testa dei giocatori il coraggio di non nascondersi, dato dalla consapevolezza di poter fare bene, un coraggio che può anche confondersi con la sfrontatezza ma che, se supportato dalla giusta cattiveria agonistica e dal gioco, può portare lontano.

TAG:
Mihajlovic

ultimo aggiornamento: 04-10-2016


14 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Lovi
Lovi
6 anni fa

infatti… non è più tempo di confronti: finalmente ce lo siamo tolto dai coglioni! P.S. andare al merda stadium per vedere buffon chiellini barzagli bonucci allenati da ventura è l’apoteosi dell’essenza granata credo.

goku82
goku82
6 anni fa

Anche io penso non sia più tempo di confronti. Ad un certo punto occorre andare oltre. Penso che ogni Storia abbia i propri momenti e, dopo tante vicissitudine, nel bene o nel male, ad un certo punto è stato il tempo di Cairo e poi di Ventura. Una parte di… Leggi il resto »

mas63simo
mas63simo
6 anni fa

Io consiglierei a tutti di stare con i piedi x terra ,perché le lacune del mercato continuano ad esserci . È stato bravo Sinisa ad infondere quelle caratteristiche da Toro che ormai avevamo perso nelle conoscenze del Guru, e con quelle abbiamo sopperito a delle mancanze, gli episodi ci sono… Leggi il resto »

Nicchi boccia Calvarese: “Avrei annullato il gol di Falque”

Torino-Fiorentina: le verticalizzazioni battono il possesso palla