La squadra di Martusciello deve ancora fare punti per blindare la salvezza, ma ha perso Saponara qualche giorno fa; Mchedlidze è l’uomo più in forma

Il prossimo avversario del Torino sarà l’Empoli di Martusciello. I toscani sono reduci dalla sconfitta contro il Crotone che ha riacceso le speranze di salvezza della squadra di Nicola. L’Empoli è a otto punti dalla terzultima: un distacco sostanzioso, ma non sufficiente per calare l’attenzione. Nonostante ciò, pochi giorni fa Martusciello ha perso il giocatore di maggiore qualità. Riccardo Saponara è infatti passato alla Fiorentina, liberando la casella del trequartista. Casella che sarà riempita da Pucciarelli, o dall’ultimo arrivato Omar El Kaddouri, grande ex di questa partita.

L’Empoli scende in campo con un 4-3-1-2 molto equilibrato. I problemi in questo campionato sono stati soprattutto nella fase realizzativa: solo 13 reti in 22 partite, peggior attacco del campionato. L’Empoli ha pagato la scarsa forma di Maccarone, trascinatore negli ultimi anni, e di Giardino, poi ceduto al Pescara. L’altro attaccante Pucciarelli non è mai stato un goleador, ma un giocatore utile per dare equilibrio con la sua propensione al sacrifico. La crisi realizzativa delle punte ha spianato la strada a Levan Mchedlidze. L’attaccante georgiano ha già segnato 5 reti in appena 11 presenze. Più gol della somma di tutti quelli messi a segno dai suoi compagni di reparto. E’ lui l’uomo più in forma dei toscani; la sua fisicità ha già creato grattacapi ha molte difese.

A centrocampo sta crescendo molto il giovane Dioussè, osservato speciale di molti club di serie A. Martusciello non fa mai a meno dell’esperienza di Croce, giocatore indispensabile per dare equilibrio alla mediana. L’altra maglia da titolare è spesso affidata a Krunic, che ha sorpassato nelle gerarchie A. Tello e Buchel. L’alternativa a Dioussé è invece l’ex Parma e Milan José Mauri. In difesa, davanti all’ottimo Skorupski, agiscono Costa e Bellucci, pericolosi nelle palle inattive. Sulle fasce Pasqual si gioca un posto con il giovane Di Marco, mentre Veseli e Laurini si contendono la maglia da titolare sulla fascia destra.


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Jones
Jones(@gix)
4 anni fa

molto meno difficile che quella di domenica scorsa,ma ormai non mi stupisco di niente

rotor
rotor(@rotor)
4 anni fa

Con la squadra ormai allo sbando prepariamoci all’ennesima figuraccia.

AmmaMi71
AmmaMi71(@ammami71)
4 anni fa

Secondo me potrebbe essere la volta buona per vincere in trasferta!..
L’importante è riuscire a sbloccare il risultato..se non dormiremo troppo in difesa difficilmente ci segneranno, ma noi dovremmo giocare 90 cazzusi minuti e non solo 30/35!!!

Toro, con Di Bello il bilancio è positivo: ultimo precedente contro l’Atalanta

Cairo presenta Torino Channel: la conferenza stampa del presidente granata