La squadra di Oddo ha deluso ben oltre le aspettative: il mix tra giovani e giocatori esperti non ha dato i frutti sperati

Domenica il Torino ospiterà il Pescara di Oddo. Gli abruzzesi hanno vinto una sola partita in tutto il campionato, a tavolino, contro il Sassuolo. Il buon inizio di campionato per qualità di gioco e organizzazione aveva fatto sognare i tifosi del Pescara, tanto da parlare addirittura di Europa. Con il corso delle giornate, i sogni si sono trasformati in incubi e adesso il Pescara si trova in ultima posizione in classifica con appena 9 punti in 23 partite. Un bottino davvero deludente.

Oddo ha costruito la squadra sul 4-3-2-1 con tanti giovani di prospettiva e qualche giocatore di esperienza. Il bel gioco fatto vedere nella passata stagione in Serie B è stato riproposto anche in alcuni frangenti di questo campionato, ma è mancata la “cattiveria” necessaria nella massima serie. Per quanto fatto vedere, il Pescara ha raccolto meno di quanto ha seminato; è mancata un po’ di fortuna, è mancato l’entusiasmo che ha fatto la differenza in Serie B.

Verre, Caprari, Benali, Zampano, Biraghi e Brugman sono tutti giocatori giovani e interessanti, ma non sono riusciti a dare continuità alle loro prestazioni. Perlomeno non tutti assieme. Il Pescara ha imposto il proprio gioco solo in pochi spezzoni di alcune partite. Troppo poco per conquistare la salvezza, nonostante le difficoltà di molte concorrenti. Adesso il quartultimo posto dista ben 13 punti: difficile riuscire nella storica rimonta. Le partite di questo finale di stagione serviranno quindi soprattuto per far crescere tecnicamente e mentalmente i tanti giovani di qualità, e per programmare il futuro. Un futuro che, con ogni probabilità, sarà in Serie B.


14 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
may
may
5 anni fa

Sai, secondo me junior nel merito ha anche ragione, ma questo è relativo, la cosa che mi fa riflettere però è che un tifoso del Toro legga quel sito la, dove per aumentare l’autorevolezza di qualcuno lo si mostra accanto ad uno juventino. Significa che vogliono farti parametrare quello che… Leggi il resto »

juveinbi
juveinbi
5 anni fa
Reply to  may

Questa dietrologia mi interessa poco. Mi interessa invece quello che dice Leo, e non lo trovo per niente relativo….

may
may
5 anni fa
Reply to  juveinbi

La dietrologia che non ti interessa è quella che magari incosciamente ti fa scegliere “juve…qualcosa” invece che “toro..qualcosa” come nickname. Fossi in te ci potrei più attenzione, tutto questo al netto del fatto che junior abbia ragione o meno (per me si, ad esempio)

juveinbi
juveinbi
5 anni fa
Reply to  may

Scusa ma riesci mai a esprimerti con concretezza su un concetto o sei sempre così mentalmente disordinato? Con rispetto eh?

Bakero
Bakero
5 anni fa

Leo Junior è stato un mito ma è arrivato in Italia acquistato a peso d’oro a fine carriera dicendo che avrebbe accettato di venire al Toro ma scelse lui il ruolo in cui giocare….
Quindi scagli la prima pietra chi non ha peccati

Bakero
Bakero
5 anni fa
Reply to  Bakero

Quando l’allenatore di allora mi pare Radice cominciò a dargli degli ordini lui se ne andò a Pescara

RDS 1963
RDS 1963
5 anni fa
Reply to  Bakero

E con questo dove vuoi arrivar, che è falso quel che ha detto?

Venetogranata
Venetogranata
5 anni fa

Tanto da parlare di Europa…..
Ma se eravamo dubbiosi pure noi di arrivarci e non siamo stati smentiti,veramente i pescaresi pensavano di arrivarci?
Idiozie scritte per riempire delle righe.
Vediamo invece di fare una goleada e fare segnare il gallo per la classifica cannonieri.

Sebastiani: “Non mi faccio estorcere il Pescara dai delinquenti”

Bovo è il grande ex di Torino-Pescara: tante le stagioni con la maglia granata