I numeri di Verona-Torino / La squadra di Mazzarri crea molto poco, e subisce di più l’offensiva del Verona. Cala anche il possesso palla: tanti guai per l’allenatore

Non è bello commentare una sconfitta. Soprattutto se inaspettata, e, alla luce dei fatti, anche parzialmente meritata. Verona-Torino finisce 2-1, e per Walter Mazzarri getta un’enorme quantità di ombre che sono purtroppo confermate dai numeri e le statistiche della partita, tutt’altro che confortanti. Il Toro che si è visto contro l’Hellas è sembrato infatti spento, senza idee, perso in maniera sconfortante all’interno di uno schieramento tattico che non ha messo in mostra le qualità della squadra, ma anzi ancor di più sottolineato i suoi vizi, come per esempio quelle ennesime distrazioni difensive che hanno portato a un patatrac davvero di dimensioni notevoli.

Verona-Torino: le occasioni del match

E ora? Occorre ripartire, facendo tesoro degli errori, o degli aspetti negativi, che non sono mancati. Come per esempio il possesso palla, incredibilmente inferiore rispetto al Verona (51% contro il 49% piemontese), per non parlare dei numeri relativi alle palle perse (28 a 22) o dei cross inefficaci (12 sono stati quelli effettuati dal Toro, ma con scarso successo, contro i 3 del Verona, che hanno portato però alla prima rete di Valoti). E poi ci sono i tiri in porta: non basta stazionare nella trequarti avversaria per poter essere davvero pericolosi, come dimostra la statistica fortemente negativa sull’attacco.

Verona-Torino: numeri che favoriscono gli scaligeri

Degli 11 tiri in totale, solo 3 sono arrivati nella porta difesa da Nicolas da parte di Belotti e compagni, contro i 4 che ha dovuto parare Sirigu. E in generale, le occasioni da gol sono state a favore del Verona: 4 a 3. Insomma, davvero tanto, tantissimo da rivedere. Un flop così non si può, non si deve dimenticare. I numeri vanno anche interpretati: ma l’interpretazione, qui, è inequivocabile.


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
remy
remy
4 anni fa

Sì, concordo. Manca tanto tanto Zappacosta con le sue proiezioni costanti. E anche Barreca . Entrambi difendevano così così , ma anche Molinaro e de silvestri lo fanno maluccio, e però in attacco ci vanno poco e male. Che poi per Zappa ci abbiano coperti d’oro è un altro discorso,… Leggi il resto »

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
4 anni fa

Giusto. Allora i 3 davanti falli giocare sempre, qualcosa combinano. Poi dietro metti tutti i ferri da stiro e che gli esterni bassi stiano anche mooolto bassi, tanto a parte Ansaldi gli altri un cross non sanno nemmeno come si fa.

remy
remy
4 anni fa

Non è vero che attaccanti bravi riescono a fare bene . Si attacca e si difende di squadra ( vedi i gobbi).
Infatti i nostri attaccanti con il pallone non hanno idea di cosa fare , perché non c’è movimento di squadra , manca la voglia e manca l’abc.

Roberto DS63
Roberto DS63
4 anni fa

Vanni stai diventando troppo serio….ma non è che vuoi davvero comprare il Toro?

Giovanni64
Giovanni64
4 anni fa

Io il sospetto ce l’ho, e cresce sempre di più. La famiglia mafiosa a chi avrebbe permesso di acquistare il Torino fc, la RCS e La 7 se non a qualcuno di sua fiducia? Quale banca della suddetta famiglia finanzierebbe in quel modo qualcuno che non sia uno di loro?… Leggi il resto »

Pedric (Giorgia2004)
Pedric (Giorgia2004)
4 anni fa
Reply to  Giovanni64

Chiaro che è così Giovanni. Lui è il custode della villa della mandria.

Niang contro Kean: non è la classe a prevalere

Obi, dal Torino alla Nazionale: la Nigeria è pronta a riabbracciarlo