La Virtus Entella, prossimo avversario del Toro in Coppa Italia, ha esonerato il tecnico Bruno Tedino: il comunicato della società

L’esonero del tecnico non è certo il miglior modo per iniziare una settimana che porterà la Virtus Entella ad affrontare il Torino in Coppa Italia nel match previsto per giovedì 26 novembre alle ore 14. Eppure, è proprio quello che è accaduto questo pomeriggio quando la società di Chiavari ha ufficializzato l’esonero del tecnico Bruno Tedino. Al suo posto, sarebbero tre i nomi che stanno circolando proprio in queste ore e tra di loro c’è anche una conoscenza piuttosto recente proprio del Torino. Oltre a Viviani e Cosmi, infatti, ci sarebbe anche Moreno Longo nella lista dei papabili per sostituire Tedino. Dopo l’addio al Toro alla fine della scorsa stagione, dunque, per l’ex tecnico granata potrebbe arrivare così una nuova possibilità per riscattare un’annata non certo facile.

Esonero Tedino, il comunicato del club

L’Entella, dunque, cambia la guida tecnica e lo fa tramite un comunicato ufficiale sul proprio sito nel quale si legge che “La Virtus Entella comunica di aver sollevato dall’incarico di responsabile tecnico della prima squadra Bruno Tedino. A lui e al suo staff vanno i più sentiti ringraziamenti per il grande impegno, la serietà e la correttezza evidenziati in questi mesi“. E a salutare e ringraziare il tecnico è anche il presidente della società che ha voluto evidenziare come il tecnico sia stato “una persona dagli elevati valori morali come raramente mi è capitato di incontrare nel mondo del calcio e di avere doti professionali di grande spessore. Purtroppo non sono arrivati i risultati, anche per i numerosi infortuni che non ci hanno dato tregua. E’ stata una decisione molto sofferta,  ma in questo momento serviva una scossa per invertire il pericoloso trend negativo. Auguro di cuore al mister e al suo staff le migliori fortune umane e professionali“.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 23-11-2020


Zaza, è così che si sfrutta un’occasione: ora serve continuità

Torino, con la sconfitta è piena zona retrocessione: i Top e Flop dopo l’Inter