Vojvoda, Lukic e Gojak insieme a Ujkani non compaiono nella lista dei convocati da tre partite: la loro presenza garantirebbe più soluzioni

Il Toro nelle ultime settimane ha perso tasselli importanti come Vojvoda, Lukic e Gojak, che insieme al portiere Ujkani sono indisponibili da quasi due settimane, proprio da quando il club granata ha comunicato la presenza nel gruppo squadra di 4 giocatori positivi al Coronavirus (senza fornire alcun nome, per motivi di privacy). Il Torino nelle ultime partite anche (ma non solo) a causa di queste assenze è dovuto passare dal 4-3-1-2 al 3-5-2. I granata, dopo il match di lunedì sera contro la Sampdoria, hanno ripreso ieri gli allenamenti al Filadelfia per preparare la partita di sabato contro la Juventus. Per Marco Giampaolo in vista del derby sarebbe molto importante recuperare uno dei tre elementi considerati titolari, ma per adesso rimane una pista difficile.

Vojvoda sorpassato da Singo…

Durante la partita di Coppa Italia tra Toro e Virtus Entella Mergim Vojvoda, attraverso una storia sul suo profilo Instangram, comunicava di essere positivo al Covid-19. Il difensore kossovaro ha così scritto:”Il Coronavirus mi lascerà presto. Ringrazio tutti per i messaggi”. Quando tornerà il numero 27 granata dovrà sgomitare con Singo per riacciuffare un posto tra i titolari perché fin qui Singo sta facendo benissimo, uscendo dal campo sempre come uno tra i migliori in campo. Vojvoda ha terminato il suon periodo di ambientamento al Toro e ha collezionato 7 presenze in queste stagione, esordendo in serie A già alla prima giornata contro la Fiorentina.

Gojak e Lukic sarebbero due armi importanti per il derby

Sicuramente, oltre a Vojvoda, recuperare Lukic e/o Gojak sarebbe molto importante per il Toro anche perché prima dello stop Sasa Lukic nel ruolo di trequartista stava facendo molto bene, capace di trovare anche 3 volte la via del gol in 7 presenze. Il serbo ha stupito in positivo per la sua qualità in entrambe le fasi di gioco, per la sua abilità in fase di profondità e per il buon tiro. Per quanto rigurarda Gojak sicuramente è un altro giocatore sul quale il club granata fa molto affidamento. Arrivato l’ultimo giorno di mercato prima dell’indisponibilità ha trovato spazio in 3 occasioni, 2 in campionato e 1 in Coppa Italia. Il Toro spera di recuperare qualcuno di questi elementi per sabato, come si augura di ritrovare in panchina il proprio allenatore risultato anche lui positivo al Coronavirus qualche settimana fa.

Sasa Lukic esulta dopo il gol in Torino-Lazio 3-4, serie A 2020/2021
Sasa Lukic esulta dopo il gol in Torino-Lazio 3-4, serie A 2020/2021
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-12-2020


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
vecchiamaniera (@vecchiamaniera)
1 anno fa

Ottimo,pare che Voda sia di nuovo positivo covid e forse qualcun altro.Kmq nn so che differenza possa fare.In ognicaso metterei in campo tutti i giovani,Savic,Buongiorno,Segre,Gojak,Singo,Edera,Millico(che spreco nn saperlo gestire) Perdere x perdere almeno avrei la certezza che loro in campo darebbero tutto fino al 90° a differenza dei presunti big.Tral’altro… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo) (@foreverg)
1 anno fa
Reply to  vecchiamaniera

Karamoko era stato preso per la primavera

vecchiamaniera
vecchiamaniera (@vecchiamaniera)
1 anno fa

Si ok,ma se la Primavera nn gioca e Karamoko sembrava un prospetto molto interessante x di più è un centrale di centrocampo,nn vedo perché nn provarlo in 1a squadra considerando il periodo che può improvvisamente falcidiare la squadra e la mediocre qualità/quantità del reparto.Diverse squadre implementano in rosa elementi della… Leggi il resto »

Ultrà
Ultrà (@ultra)
1 anno fa

il problema è la difesa…a 4 o a 5…il risultato non cambia!

Charlie66
Charlie66 (@charlie66)
1 anno fa
Reply to  Ultrà

se con la difesa a 4 o 5 si prendono sempre gol, il problema è a centrocampo

Chiellini si ferma di nuovo: oggi esami, derby a rischio

Sirigu, questi sono numeri da crisi: il Torino, in porta, ha meno certezze