Con il Verona fuori per scelta tecnica, con l’Inter entra Warming: per Zaza può essere la bocciatura definitiva

Scelta tecnica a Verona, convocato ma tenuto in panchina contro l’Inter: per Zaza l’incubo continua e lo spazio al Toro si riduce di settimana in settimana tanto che la bocciatura ottenuta nella sfida di ieri sera rischia di essere quella definitiva. Contro i neroazzurri, infatti, non è bastato nemmeno un Sanabria sottotono, impigliato nelle maglie interiste e incapace di incidere sul gioco dei granata, per permettergli di tornare in campo. E in fase di sostituzione il tecnico gli preferisce addirittrua Warming. Che se dalle parti di Torino resta ancora un oggetto del mistero visti i pochissimi minuti fin qui a disposizione (61 quelli giocati tra Serie A e Coppa Italia) è pur vero che nella mezz’ora con i neroazzurri, senza volerlo ovviamente eleggere a prossimo attaccante titolare né osannarlo prima del tempo, ha rischiato di mettere una bella pietra sopra all’esperienza di Zaza in granata.

Warming: “Felice che il mister abbia creduto in me”

Tra lo stupore di tutti, incluso il suo: “Sono stato abbastanza sorpreso dal poter giocare stasera – ha infatti dichiarato nell’intervista post partita ammettendo però che – sono felice che il mister abbia creduto in me e mi abbia fatto giocare così tanto stasera. Sono anche contento che i compagni mi abbiano da subito fatto sentire a mio agio e mi abbiano aiutato. Quando sono entrato ho solo pensato a come poter aiutare la squadra, ho cercato di sfruttare la mia velocità”. E’ l’intento sembra almeno parzialmente riuscito.

Zaza bocciato: via a gennaio?

Spedito in campo tra la sorpresa generale per rilevare Sanabria collezionando così il suo secondo gettone in campionato dopo il minuto contro il Napoli, Warming ha di fatto messo in campo quello che per mesi si è chiesto a Zaza e non solo: grinta, determinazione e quel pizzico di intraprendenza che non saranno serviti al Toro per uscire da San Siro almeno con un pareggio (anche se è dai suoi piedi che parte il cross a rischio autogol per Bastoni) ma che di fatto hanno mostrato cosa dovrebbe voler dire entrare in campo per guadagnarsi il posto. E questo potrebbe essere bastato a Juric per tirare le somme.

O, per meglio dire, per confermare quelle che di fatto sono state scelte messe in campo fin da inizio stagione. L’ex Sassuolo, così come anche altri giocatori, è infatti ai margini del progetto granata di Juric fin dall’inizio e le poche e recenti occasioni, per altro sprecate dal giocatore, certo non migliorano la sua situazione di ormai probabile partente. Se ad agosto non si è riusciti a piazzarlo, infatti, il Toro potrebbe tentare i colpo nel mercato di gennaio cercando così anche la soluzione ad un cartellino pesante dal punto di vista economico.

Simone Zaza
Simone Zaza
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 23-12-2021


12 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
granatadellabassa
granatadellabassa
7 mesi fa

Stroncatura colossale che rende quasi impossibile la sua cessione. Io avrei aspettato febbraio a metterlo alla berlina. Hai mai visto che per una botta di culo fa un euro gol e qualcuno lo prende in prestito gratuito?

pear
pear
7 mesi fa

Unico modo per liberarsi di Zaza è dargli la buonuscita. Ma i giocatori come lui son troppo importanti per la Cairese, sono il simbolo di ciò che il buon urbano in questi 15 anni ha cercato di costruire.

ardi06
ardi06
7 mesi fa

Zazzaro, alzati e cammina, lontano da Torino

Torino, le big sono un tabù: quinto k.o. per 1-0

Singo, niente Coppa d’Africa: non è stato convocato dalla Costa D’Avorio