Calciomercato Torino: Bonaventura obiettivo numero uno

Bava o Vagnati non cambia: Bonaventura resta un obiettivo primario

di Giulia Abbate - 7 Maggio 2020

Il Torino potrebbe cambiare radicalmente il proprio organigramma ma non i propri obiettivi di mercato: su Bonaventura continua il pressing

Bava-Bonaventura-Vagnati. Un triangolo destinato a caratterizzare una buona parte del calciomercato granata. E, soprattutto, un triangolo nel quale le trattative e le decisioni si influenzeranno direttamente e in maniera netta. La prima cosa da definire, in casa Toro, sarà il destino del direttore sportivo. Bava, e con lui tutto il Toro con Longo in testa, sta infatti aspettando di capire se e come l’ipotetico, ma tutt’altro che remoto, arrivo di Vagnati possa cambiare l’organigramma della società granata. E, di conseguenza, anche il mercato. Con un punto fermo, però: Giacomo Bonaventura.

Bonaventura: il Toro non molla anche se cambia il ds

Se il Toro può pensare di cambiare il direttore sportivo, o affiancare Vagnati a Bava mantenendo entrambi, quello che non ha intenzione di modificare sono gli obiettivi di mercato e, tra questi, Bonaventura si è ritagliato un posto di primo piano. E il Toro non ha intenzione di mollare la presa, forte anche del fatto che il giocatore è in scadenza e i granata possono così aggirare l’ostacolo Milan e trattare direttamente con il diretto interessato.

E la trattativa, infatti, continua e continuerà ancora: i granata sono stati i primi a muoversi e andare in pressing sul giocatore portando un’offerta che, tra netto e bonus, si aggirerebbe attorno ai 2milioni di euro. Un’offerta che sembra interessare Bonaventura che, tuttavia, non ha solo il Toro nell’elenco delle pretendenti.

Toro, il punto sulla trattativa

La prima mossa, il Torino, l’ha giocata e in fretta. Soprattutto per evitare di incappare nel rischio di arrivare a giocarsi le proprie carte, all’ultimo minuto. Ora, però, si deve attendere la mossa dello stesso Bonaventura che non ha fatto mistero di aver preso in seria considerazione l’offerta del club di Cairo ma che, allo stesso tempo, non ha mai negato il desideri di tornare all’Atalanta.

E proprio i bergamaschi, dunque, rappresentano l’ostacolo più grosso per il Torino. Il giocatore, come già avevamo raccontato, sta infatti prendendo tempo per capire se all’orizzonte possa esserci anche questa possibilità. Poi arriverà la risposta al Toro. Intanto i granata decideranno quale sarà il prossimo assetto societario ma restando irrimediabilmente fermi su un punto: Vagnati o meno, Bonaventura deve essere portato sotto la Mole.

Giacomo Bonaventura, Milan
Giacomo Bonaventura, Milan