Calciomercato Torino Primavera: Adopo firma il primo contratto da professionista

8
Primavera
CAMPO, 18.4.18, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Serie A, TORINO-MILAN, nella foto: la Primavera con la Coppa Italia

Accordo, per ora, di due anni con il Torino: per Adopo arriva il primo contratto da professionista dopo le gioie con la Primavera

Et voilà: per Michel Ndary Adopo arriva il primo contratto da professionista con il Torino. Il centrocampista classe 2000 della Primavera di Federico Coppitelli – che compirà 18 anni a luglio – ha firmato questa mattina l’accordo che lo legherà alla società granata per i prossimi due anni. Almeno per il momento. Sì, perché la trattativa portata avanti dal responsabile del settore giovanile Massimo Bava e dagli agenti del calciatore prevede il prolungamento automatico del contratto per altri tre anni con il raggiungimento della maggiore età.

Adopo, il gioiello del Torino che ha già assaggiato la Prima Squadra

Un quinquennale che rivela tutta la volontà del Torino di tenersi stretto il suo gioiellino, arrivato a gennaio dal Torcy – squadra nella quale è sbocciato un certo Paul Pogba – e subito messosi in mostra con la Primavera. Memorabile, la sua prova nella finale d’andata di Coppa Italia contro il Milan: grinta, buone geometrie e un fisico statuario. L’attenzione su di lui, da parte di Mazzarri e del suo staff, è alta. Tanto che, a Bergamo, è arrivata la convocazione e la prima panchina in Serie A. Ora, il contratto: il Torino punta forte su Adopo.

  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
ale_maroon79
Utente
ale_maroon79

Paragonarlo ora a Pogba è un’esagerazione, ovviamente, però è vero che il ragazzo è grande e grosso ma pure svelto di gamba quando occorre.
Vedremo, speriamo solo di non bruciarlo come tanti altri “presunti fenomeni” del passato (la lista è infinita).

Bischero
Utente
Bischero

Mi sembra uno dei pochi validi della primavera. Giusto il suo contratto da professionista. Ora vediamo che combina nel calcio sei grandi però.

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

Piccole plusvalenze crescono e pensare che l’avido non gli voleva pagare nemmeno la retta della scuola…

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

La verità fa male…lo so.