Calciomercato Torino / L’addio quasi certo di Bonazzoli libera un posto: Sanabria resta la prima scelta ma Diaw si avvicina

L’unico a non essere mai stato messo in discussione, nell’attacco (e non solo) del Torino resta Andrea Belotti: sugli altri, tutti gli altri, negli ultimi mesi si sono susseguite voci di ogni genere. Verdi (quasi) sempre discusso, Zaza che da partente quasi certo è sembrato (e questa volta si spera non sia un fuoco di paglia) revitalizzato dalla cura Nicola, e poi c’è Bonazzoli. Quel Bonazzoli che per sei mesi è stato un vero e proprio oggetto del mistero e che adesso è quello che potrebbe risolvere i nodi dei granata, almeno dal punto di vista del mercato. E allora, parlando proprio di calciomercato, facciamo il punto su quella che è la situazione del parco attaccanti.

Bonazzoli libera un posto per Sanabria

E (ri)partiamo proprio da Bonazzoli che nella giornata di ieri ha vissuto una brusca accelerata verso quello che sembra essere il prossimo addio al Toro. Nonostante il rifiuto delle settimane passate, l’attaccante sembra essersi convinto ad accettare il corteggiamento del Crotone che sta adesso risolvendo gli ultimi dettagli insieme a Torino e Sampdoria per chiudere l’operazione. Un trasferimento, quello del numero 26, che di fatto libererebbe un posto nel reparto avanzato di Nicola che Vagnati punta a riempire con Sanabria, da giorni la prima scelta da lanciare come spalla di Belotti.

Nella giornata di ieri, il ds granata ha infatti incontrato Gabriele Giuffrida, l’agente che sta facendo da tramite nella trattativa con il Betis (e che si occupa anche dell’affare Lerager) per fare il punto sui lavori e cercare di portare la trattativa verso un step decisivo. L’incontro pare essere stato positivo sì ma non ancora risolutivo: la distanza tra le due società rimane e le prossime ore saranno decisive per trovare il fatidico punto d’incontro. In caso contrario, il Torino virerà su quella che l’alternativa: il rischio di rimanere, a mercato chiuso, con il cerino in mano non è proprio contemplabile.

Diaw è vicino: se Sanabria salta è lui l’alternativa

E l’alternativa, come noto, porta il nome di Davide Diaw del Pordenone. Nella giornata convulsa di ieri, il direttore sportivo Vagnati ha incontrato anche la dirigenza dei neroverdi. L’accordo con il Pordenone, ma solo qualora l’affare Sanabria saltasse definitivamente, è davvero vicino. E anche al giocatore l’idea di passare al Torino e affrontare così la sua prima esperienza in Serie A (a 29 anni) piace e non poco. Per Diaw, dunque, basterebbe solo limare gli ultimi dettagli e mettere le firme sul contratto: il Toro, però, è bene ribadirlo ulteriormente, vuole prima di tutto tentare fino all’ultimo di assicurarsi Sanabria.

Antonio Sanabria

TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 27-01-2021


42 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
duane
duane
3 mesi fa

Pedrosi dice che sanabria è cosa fatta. A un passo dalla chiusura

madde71
madde71
3 mesi fa
Reply to  duane

su che sito?

WGranata76
WGranata76
3 mesi fa
Reply to  duane

Sarebbe ora, per 7-8 Milioni, che pare essere la richiesta del Betis, non mi sembra il caso di tirare troppo la corda, specie perché il giocatore è giovane e conosce già il nostro campionato. Se si pone un riscatto a 6 milioni per Bonazzoli tutto sommato un Sanabria a 7-8… Leggi il resto »

gianlu68
gianlu68
3 mesi fa

Se la società non ha soldi (il Genoa, ad es. li ha?) che venda e si faccia da parte come tutti chiedono. Se vuole provare a migliorare la squadra, pensi a giocatori come Shone e Vasquez che arriverebbero per poco.

WGranata76
WGranata76
3 mesi fa

Grazie per la moderazione dei post redazione, sebbene in altri termini si chiami censura. Un commento dove evidenzio senza nessun termine offensivo o lesivo che il nostro presidente fa magre figure, dove si fa ridere dietro e prendere in giro dagli altri, che ci definiscono sistematicamente uno squadrone, non credo… Leggi il resto »

Last edited 3 mesi fa by WGranata76

Sanabria e Lerager, Vagnati ha incontrato l’intermediario: le ultime

Torino, c’è anche l’idea Mandragora: la Juventus può darlo in prestito