Continua il tiraemolla con Campedelli, Castro ha già detto sì al Torino. Oggi un altro incontro tra le parti, ma servirà uno sforzo di Cairo

Era una speranza, si diceva. E tale è destinata a rimanere. Avere Lucas Castro già per la sfida con il Bologna sembrava più un sogno che una realtà, per quanto un forte avvicinamento al giocatore si era registrato nella giornata di mercoledì, dopo l’incontro di mercato avvenuto tra Torino e Chievo Verona per il centrocampista corteggiato da Mihajlovic. E adesso i granata insistono, perché con il giocatore la distanza è davvero minima, a differenza di quella tra i due club, dove diverse cose sono invece ancora da sistemare.

Bologna un miraggio, quindi. Ma nessun incidente di percorso in questo senso: il Chievo infatti è bottega cara, e già era previsto il fatto che si sarebbe dovuto parlare parecchio per provare a trovare un’intesa definitiva. Ballano oltre due milioni di distanza: 6 più bonus sono quelli che il Toro è intenzionato a spendere, non oltre; poco meno di 9 sono quelli che invece vorrebbero i clivensi, non oltre. Insomma, una distanza non proprio piccola, ma nemmeno insormontabile, e nelle giornate più frenetiche molte le cose potranno più rapidamente arrivare a conclusione.

torino-vs-bologna-acquah-vs-donsahMancano infatti 11 giorni al termine della sessione invernale, e Mihajlovic aspetta ancora quei rinforzi per la linea mediana, che ritiene fondamentali per provare comunque a centrare l’obiettivo europeo. Castro è in cima alla lista dei desideri, seguito a ruota non più da Hiljemark, ma da quel Donsah che era stato cercato a fine dicembre, si raccontava su queste pagine, ma che poi era stato portato in secondo piano a causa della richiesta monstre di circa 10 milioni di euro avanzata dal Bologna per la cessione del ghanese. Oggi, Torino e Chievo hanno in calendario un nuovo appuntamento, per provare ad appianare alcune divergenze. Difficile pensare che sarà quello decisivo per arrivare alla fumata bianca, ma la pista resta caldissima. La sensazione è che sarà il Toro a dover dare un forte segnale, per riuscire a sbloccare la trattativa per un giocatore che agli occhi di Maran e dei tifosi del Chievo è praticamente un intoccabile. E come tale, tutt’altro che semplice da trattare, per quanto le speranze di vederlo in granata entro il 31 di gennaio restino ampiamente fondate.


59 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
WRiz
WRiz(@wriz)
5 anni fa

Con il Chievo sempre trattative eterne! Vi ricordate di Lanna? Sembrava dovessero venderci Maradona!

carbonaro doc
carbonaro doc(@carbonaro-doc)
5 anni fa

Torino,
Castro complicato, i granata (e)virano su Donsah

… il risultato non dovrebbe cambiare…

10genà
10genà(@10gena)
5 anni fa
Reply to  carbonaro doc

..a parte la dimensione dell'(e)virata. Direi che tra i due Donsha è più…pesante…

severomagiusto
severomagiusto(@severomagiusto)
5 anni fa

cmq castro è veramente forte. statistiche alla mano è tra i migliori in italia come centrocampista box2box

Martinez aspetta l’occasione per partire: convocazione di nuovo a rischio

Ajeti blocca il calciomercato, il Torino vuole altri rinforzi in difesa