Calciomercato Torino / Tutti i retroscena dietro a un nome ricorrente, nel mercato del Toro: Grassi, ora, torna di moda

Alberto Grassi è uno di quelli che dai radar del Torino non ci è uscito mai. Si allontana dal centro, magari sparisce per qualche tempo, ma poi rispunta, inesorabile, a ogni sessione di calciomercato. O quasi, almeno. L’estate 2022 è quella del cielo e non del manca. Già, perché il club granata ha inserito il nome del centrocampista classe 1995 ora di proprietà del Parma – nell’ultima stagione in prestito al Cagliari – tra gli obiettivi per la mediana, sguarnita dagli addii di Mandragora e Pobega. Siamo alla tappa intermedia di una maratona, iniziata nel 2016. L’anno in cui, per la prima volta, Grassi viene accostato al Torino.

Il primo contatto Grassi-Torino, nel 2016

“Su Alberto c’è un interessamento del Toro”, dice allora il suo agente, quando a dicembre inizia a guardarsi attorno per spostare il suo assistito dall’Atalanta – dove era in prestito dal Napoli – per farlo giocare di più. I granata, allenati da Mihajlovic, ci pensano qualche tempo, ma poi rinunciano, preferendo investire a gennaio su Carlao e Iturbe.

Vagnati lo conosce bene: lo volle alla Spal

Stacco di montaggio. Siamo nel 2018. Il Torino lo allena Mazzarri, che è in cerca di centrocampisti. Nel corso della sessione arriveranno Meité e Soriano. Spoiler, facile: non Grassi. Ma a questo punto c’è da fare una precisazione, tornando indietro di un anno. Nel 2017, Grassi era andato in prestito alla Spal, sempre dal Napoli. A chiudere la trattativa fu Davide Vagnati, allora diesse dei ferraresi, lo stesso che ora pensa a lui per il Toro. Nella lunga estate 2018, Grassi torna al Napoli e viene trattato a lungo da Petrachi, ma senza che mai si avvicini l’accordo. E, anzi, solleticando la provocazione del presidente azzurro De Laurentiis: “Grassi è richiesto da Fiorentina, Bologna e Torino, ma i club italiani hanno il braccino corto….

Il retroscena su un ipotetico (e pazzo) scambio, del 2020

Non se ne fa nulla. Ma Grassi-Toro è un binomio che ritorna sulle pagine di siti e giornali a un giorno e un orario ben precisi, il 5 ottobre 2020, strana data per un ultimo giorno di calciomercato ritardato a causa della pandemia, poco prima delle 20, orario della chiusura. Un’idea nata e morta lì, diranno i protagonisti di un pour parler folle e poco approfondito anche per mancanza di tempo. Tra Torino e Parma – che nel frattempo aveva acquistato Grassi – viene fuori l’ipotesi di uno scambio: il centrocampista in granata assieme a Sepe, Sirigu e Ansaldi in Emilia. Un incrocio a quattro senza molto futuro, ma che allora fece discutere. Ora, due anni dopo, Grassi è tornato nel radar. Chissà che questa volta non sia quella buona.

Alberto Grassi of Cagliari Calcio in action during the Serie A football match between Torino FC and Cagliari Calcio.
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 02-07-2022


29 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
thethaiman
thethaiman
1 mese fa

Gollini alla Fiorentina!

ardi06
ardi06
1 mese fa
Reply to  thethaiman

Perfetto

BiriLLo
BiriLLo
1 mese fa

Chi vorreste come presidente anche in B ?…. Io Beretta… Non mi scrivete meglio Cairo in A per favore. Meglio il Toro in A, chiaro ma senza “l’inutile”.
Con BS ai risvolti e la sua inettitudine credo che siano le vie probabili.
#cisiamoquasi

BiriLLo
BiriLLo
1 mese fa
Reply to  BiriLLo

Pedric mi ha tolto la speranza.
… Niente faccine … Ora rincaro la dose con i proCairoti… Zzi vostri

toro e basta
toro e basta
1 mese fa

@KIMI gran simpaticone!
Ci rende più leggera questa giornata di calciomercato con le sue allegre analisi. Viva Zaza! Viva Verdi! Li ricicliamo e avanti tutta!!!
Poi se non va bene, Lerda è disponibile.
Grande @KIMI 🤣🤣🤣

Mandragora, è addio: fa le visite mediche con la Fiorentina

Calciomercato Torino / Mazzocchi, parla De Sanctis: “Non è in uscita”