Calciomercato Torino / Prima di firmare Juric ha spiegato le sue ambizioni a Cairo. Intanto dalla Spagna Franco Vazquez si offre in Italia

Quella di firmare il contratto con il Torino non è stata per Ivan Juric una decisione presa d’impeto, sull’onda dell’entusiasmo per quei 2 milioni a stagione che gli erano stati appena proposti. Prima di prendere la penna in mano e porre il proprio autografo su quel contratto ha riflettuto attentamente e ha chiesto anche garanzie a Urbano Cairo: garanzie sul mercato, sulla volontà di costruire una squadra capace di tornare a lottare per l’Europa. Insomma, ha chiesto un “progetto” (termine di cui spesso si è abusato) che gli consenta di soddisfare le proprie ambizioni, di non limitarsi ad arrivare nella parte sinistra della classifica ma lontano dalle prime sette posizioni della classifica.

Torino, Vagnati e la voglia di riscatto

Cairo si è detto disposto ad accontentarlo e ora è chiamato a dimostrarlo con i fatti. Senza andare troppo indietro nel tempo, ricordiamo tutti come finì l’anno scorso il “progetto” Giampaolo: Rincon regista, nessun vero trequartista, quattro portieri e una sfilza di difensori. Insomma, una squadra del tutto inadatta per il gioco e il 4-3-1-2 dell’allenatore abruzzese e quel “progetto”, per cui era facile prevedere un fallimento, non riuscì a salvarsi dal proprio ineluttabile destino. Juric si è fidato della voglia di riscatto di Cairo e anche di quella di Davide Vagnati: al dt va dato atto di essere riuscito, a gennaio, a mettere alcune toppe al mercato fallimentare dell’estate precedente con due acquisti di qualità come Mandragora e Sanabria, seppur arrivati su indicazioni di Davide Nicola, strappandoli a prezzi convenienti. E ora il vuole continuare su quella scia per lasciarsi definitivamente alle spalle due stagioni terminate in maniera diversa da come in origine sperava (la prima alla Spal, la seconda appunto al Torino).

Calciomercato Torino: Vazquez chiama la serie A

A proposito delle garanzie sul mercato richieste da Juric, giocatori di qualità ma anche disposti a dare tutto in campo per la causa comune, c’è da segnalare un’autocandidatura di Franco Vazquez. L’italo-argentino ha già svuotato il proprio armadietto a Siviglia e dal prossimo 1 luglio sarà ufficialmente svincolato: ha voglia di tornare a giocare in Italia e lo ha anche pubblicamente dichiarato. “Il campionato italiano mi diverte ed è adatto a me. Voglio sentirmi di nuovo importante. Mi sento bene fisicamente per poter rendere ad un buon livello. Poi, ovviamente, il posto te lo devi guadagnare in campo, ma voglio sentire la fiducia del club e della squadra” ha spiegato in un’intervista a El Mundo. Juric ama giocare con i trequartisti (a Verona utilizzava come modulo base il 3-4-2-1 ma non disdegna neppure il 3-4-1-2) e Vazquez è un trequartista di qualità e esperienza, capace di mandare in gol i compagni e potrebbe fare certamente comodo al tecnico croato. Già in passato il Torino lo aveva seguito, pur senza mai avviare delle vere trattative, ora che non ha rinnovato il contratto con il Siviglia e partirà a parametro zero prenderlo potrebbe essere un vero e proprio affare.

Franco Vazquez, Siviglia
Franco Vazquez al Siviglia
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 30-05-2021


31 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
4 mesi fa

ancora tante chiacchiere zerotreine vedo
0 contestazioni serie
La cosa dà loro fastidio, ma chiunque abbia occhi e orecchie, vede che le cose stanno così

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
4 mesi fa

Gd nuovo capopolo delle future contestazioni anti ( o pro ?) cairo.
Rumorose ma civili ( a suo dire ) .
Come le sue flatulenze giornaliere che pubblica .
Vai gd sei tutti noi!
Noi 5047 del gruppo FB + Mimmo !

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
4 mesi fa

Ps Anche Toronews riporta la notizia nella rassegna stampa: Pochi pervenuti all’appuntamento per la contestazione. Non è così che si mette sotto pressione Cairo. Lo hanno capito tutti ormai. La (solita) rabbia zerotreina di cui sotto, è fine a sé stessa. Come l’insulto asilesco (e non provocato) è il loro… Leggi il resto »

Dalla Polonia: Glik può tornare al Torino

Juric non perdona: quanti rimproveri al mercato del Verona. Cairo dovrà accontentarlo