Calciomercato Torino / Meno otto al raduno del Filadelfia: Juric è impaziente di iniziare, il club procede incerto sul mercato

Ivan Juric sta contando le ore che lo separano dal 6 luglio, quando al Filadelfia chiamerà a raccolta il Toro per la prima volta. Il giorno del raduno è distante otto giorni. L’allenatore di Spalato passerà buona parte di essi in Croazia, dove si trova in vacanza, poi tornerà a Torino per la seconda volta dopo quell’incontro del 1° giugno, quando visitò il Fila e la sede in anticipo sul cerimoniale dimostrando tutta la voglia di mettersi in gioco. Davanti, si troverà una rosa che è un cantiere. Mancheranno i Nazionali (Sirigu e Belotti su tutti) – e quello già era messo in conto – ci saranno i rientranti dal prestito (Aina e Meité, per fare due nomi) e qualche giovane. Con ogni probabilità, poi, comparirà anche Etrit Berisha, il primo (quasi) acquisto del club. A meno di clamorose accelerazioni, tra una settimana potrebbe essere l’unico.

Juric e il Torino, per ora, vanno a due velocità diverse

Il Torino e Juric vanno d’accordo, è bene sottolinearlo, ma in questi giorni non stanno procedendo alla stessa velocità. L’ex Verona è frenetico, quasi impaziente di mettersi all’opera. Il club è invece flemmatico. Il calciomercato è difficile per tutti, in Serie A: pochi soldi, tanta paura di fare scelte azzardate. Il presidente Cairo e il ds Vagnati fanno parte di questo quadro. E in più devono ancora capire come fronteggiare i dossier spinosi: dalla sostituzione di Nkoulou all’addio di Sirigu (sempre più concreto, dopo l’arrivo di Berisha e il rinnovo di Milinkovic, ma di offerte vere non ce ne sono), fino all’indecisione sul futuro di Belotti.

Dopo Berisha il trequartista: ma Messias…

Insomma, al di là dei nomi segnati nell’elenco delle trattative future (leggasi: Fares, Dawidowicz, Gunter, Orsolini), il Torino si sta muovendo con passo indeciso. Su Junior Messias, che sarebbe il primo obiettivo per l’attacco – tutti gli altri nomi sono alternative -, c’è da raccontare nulla più di uno stallo: la pista è valida e concreta, ma fino a ieri non si registravano passi avanti. Possibile che accada qualcosa di più nell’ultima settimana prima del raduno, ma non sarà una corsa all’acquisto. Anzi. Con risorse limitate e idee ancora da chiarire, il Toro sta ponderando ogni mossa, cercando l’occasione senza affannarsi.

Ivan Juric e Alberto Barile al Filadelfia

Ivan Juric e Alberto Barile al Filadelfia
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-06-2021


10 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Pedric
Pedric
3 mesi fa

Ahhh La colpa è dei tifosi che non protestano. Capito!!! Prima c’era uno che parlava di ambiente ostile, adesso il problema è che l’ambiente è troppo poco ostile. Ma si, giusto, in fondo come ho letto su GNU GNU, cairo dovremmo solo ringraziarlo altro che criticarlo.
Lasciamolo lavorare.

natali giancarlo
natali giancarlo
3 mesi fa

Rispondo volentieri a GD con il quale sono in sintonia di vedute.Nel riferirmi a BS ho inteso semplicemente rimarcare un elemento oggettivo che appare in vari commenti.Qualche giorno fà in un mio commento su altro sito ho rammentato il “nessun dorma” della Turandot per sottolineare come purtroppo la tifoseria organizzata… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
3 mesi fa

Un caro saluto Giancarlo
E speriamo un giorno di poterci confrontare sulle soddisfazioni, e non sulle cose, troppe, che non funzionano.
Alè Toro

natali giancarlo
natali giancarlo
3 mesi fa

E’ una speranza che coltiviamo tutti ma diverse sono le aspettative.Per quanto mi riguarda,poichè “viaggio verso ottanta primavere” è evidente che..Ho: iniziato da ragazzino al Ginnasio e mai mi sono pentito per quella che considero una scelta di vita.Ora mi ritengo “un vecchio pellerossa” che vive di ricordi in una… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
3 mesi fa

Leggo sotto ancora riferimenti a BS Nulla contro il signor @giancarlo (i cui commenti spesso tra l’altro mi trovano molto d’accordo) ma continuo a trovare impie toso leggere di speranze su enti terzi, per motivi extra calcio, quai uniuche speranze di cambio della guardia al vertice (Cairo) La famosa e… Leggi il resto »

Dawidowicz e Gunter, Setti alza il muro: il Verona non fa sconti

Dalla Turchia: Ljajic, il Toro ci ripensa