Il presidente Corsi tenta di blindare Krunic ma il Torino non molla: l’obiettivo è sfoltire il centrocampo per arrivare al giocatore

“L’anno prossimo Krunic potrebbe valere il doppio, e ora una sua cessione ci metterebbe in difficoltà”. Così il presidente dell’Empoli, Corsi ha commentato ieri l’idea che il centrocampista possa lasciare la società toscana in questa sessione di calciomercato. Dichiarazioni che sembrano andare nella direzione di una chiusura anche se solo parziale. “Piace al Torino, ma ne è venuta fuori anche un’altra. Vedremo se questi interessi si concretizzeranno” ha infatti confermato il Patron dell’Empoli lasciando di fatto aperto uno spiraglio ad una possibile cessione. Insomma, i toscani preferirebbero non cederlo ma in caso di un’offerta più che buona ci si potrebbe mettere seriamente di fronte ad un tavolo. E a quel tavolo, il Torino, è seduto da tempo.

Toro, Krunic resta l’obiettivo principale: si lavora per regalare a Mazzarri il centrocampista

D’altronde, la possibilità che il presidente Corsi abbia blindato il giocatore, per così dire, con l’obiettivo di costringere i granata a sbilanciarsi è più che plausibile e il Torino, dopo la conferma circa le condizioni di salute del giocatore, è intenzionato ad accelerare le trattative per arrivare al centrocampista. Mazzarri ha bisogno ancora di qualche rinforzo che possa sostenere il progetto tattico del nuovo Toro e proprio Krunic resta l’obiettivo principale. Lo stesso ds Petrachi ha confermato nei giorni scorsi la volontà di chiudere la trattativa in tempi brevi.

Il mercato, infatti, è ormai agli sgoccioli e come noto gli ultimi giorni saranno frenetici: la società del Presidente Cairo si prepara così a lanciare l’ultimo, e si spera decisivo, assalto per il centrocampista agendo parallelamente, come ormai noto, anche sulle cessioni.

Toro, obiettivo cessioni: sfoltire il centrocampo  per arrivare a Krunic

La necessità del Torino di sfoltire il proprio centrocampo prima di sferrare il colpo decisivo per il centrocampista dell’Empoli è cosa ormai arcinota. E la situazione, in questo senso, resta immutata con Obi, Acquah e Valdifiori sul piede di partenza. E se per Obi e Valdifiori il Torino continua a trattare con Celta Vigo e Spal, a destare il maggior interesse è ovviamente Acquah.

Come è già stato raccontato nelle settimane passate proprio sulle colonne di Toro.it, il ghanese sognerebbe un ingaggio in Inghilterra ma le sirene inglesi non si sono accese e le offerte, al momento, sono praticamente inesistenti. Un silenzio inglese che rende sempre più plausibile un trasferimento in Toscana, proprio all’Empoli. La società ha manifestato forte interesse per il centrocampista ghanese che, seppur restando esterno alla trattativa, potrebbe facilitare e di molto l’accordo tra Torino ed Empoli per Krunic. Insomma, i lavori a centrocampo continuano e la sensazione è che si possa arrivare, alla fine, alla tanto attesa fumata bianca. Nonostante le parole del presidente Corsi.

 


38 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68
Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68
2 anni fa

Non siamo nemmeno capaci di comprare un giovanotto di belle speranze.
questi sono i successi dell’era Cairo.
Complimenti a chi ancora ha il fegato di spacciare questo individuo, dopo 13 anni mai abbastanza insultabile come miglior presidente dai tempi di Pianelli.

madde71
madde71
2 anni fa

Pecini ds Empoli, ex capo osservatori Samp. Ottimi rapporti con osti e stima reciproca con Sabatini. Nel calcio ci sta tutto,ok,ma qui la vedo chiara

AleD
AleD
2 anni fa

Fenomeno

Alessandro (Ale67)
Alessandro (Ale67)
2 anni fa

Ma possibile che non si riesca a chiudere per un centrocampista con un po’ di piedi e fosforo???? Qui nessuno chiede Modric ma cavolo sono mesi che siamo piantati dietro un giocatore di serie B e non riusciamo nemmeno a prenderlo. Questo ci da la misura come siamo stati ridotti… Leggi il resto »

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
2 anni fa

Ma magari è il nuovo Modric. Prima che abbia 33 anni come lui abbiamo tanto di quel tempo per prenderlo che io sarò in pensione. Tra Luglio e gennaio saremo sempre presenti. Aspetta.

Il padre di Zaza: “Torino? L’unico che può parlare è Bozzo”

Asse Torino-Chelsea: sondaggio per Ola Aina e Kurt Zouma