La Polonia di Karol Linetty è fuori da Euro 2020. Tempo di vacanze e poi di futuro per il centrocampista granata

Galeotta fu la fase a gironi per la Polonia di Linetty. Due sconfitte ed un pareggio si sono infatti trasformati nel pass diretto verso l’uscita da Euro 2020. L’ultimo posto nel girone ha poi impedito anche il ripescaggio tra le migliori terze classificate. Niente sedicesimi di finale quindi per il centrocampista del Torino, che ha coronato una stagione sottotono. Ora può però godersi un po’ di sano riposo in vista della prossima, che potrebbe vederlo lontano dalla Mole. L’arrivo di Juric non gli assicura infatti un posto nel Toro del prossimo anno.

Toro, una stagione sottotono in granata per Karol Linetty

La stagione del Torino, rivelatasi complicata per tutti, ha intaccato negativamente il rendimento di Linetty, prima scelta di Marco Giampaolo, ma che non ha saputo rendere come alla Samp. L’arrivo di Nicola non ha poi giovato al centrocampista granata, finito ai margini e rivalutato solamente nell’ultimo periodo. Con la salvezza in tasca ed il posto in Nazionale, il polacco è però riuscito ad aprirsi una finestra sul mercato. Dalla Germania due club si sono infatti mostrati interessati a Linetty, senza però intavolare concretamente una trattativa.

Linetty, scoglio prezzo per un’eventuale cessione

Si tratta di Mainz e Friburgo, due club che militano nella massima Serie tedesca e che avrebbero visto nel polacco un ipotetico rinforzo a centrocampo. Il polacco ha firmato un contratto che lo lega al Toro fino al 2024, con un compenso di 1.8 milioni a stagione. Una cifra piuttosto ingente che, se unita ai 7.5 milioni più 1,5 di bonus spesi dal club granata per acquistarlo a titolo definitivo, si convertono in un ostacolo per le due pretendenti. Il ds Vagnati quindi, già al lavoro sul fronte mercato, difficilmente farà sconti.

Karol Linetty
Karol Linetty
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 25-06-2021


Primavera, Jean Freddi Greco è vicino al Pordenone

L’incertezza su Bava mette in bilico anche Coppitelli: non è sicuro della conferma