Primavera / Il possibile arrivo di Ludergnani alle giovanili mette in bilico Coppitelli. Cairo deve decidere il futuro di Bava

Il suo contratto si è rinnovato automaticamente al raggiungimento della salvezza, ma non per questo Federico Coppitelli è del tutto certo di restare sulla panchina del Torino anche nella prossima stagione. L’allenatore dovrà innanzitutto incontrarsi con Cairo, per confrontare progetti e ambizioni, ma il faccia a faccia dovrà tenere in considerazione l’eventuale ribaltone che si sta ipotizzando al vertice del settore giovanile. Su queste pagine, vi stiamo raccontando del possibile divorzio tra il club granata e l’attuale responsabile del vivaio, Massimo Bava. Il direttore dell’area tecnica Vagnati vorrebbe infatti inserire nell’organigramma societario Ruggero Ludergnani, che alla Spal svolge un ruolo analogo a quello di Bava. L’arrivo del secondo, porterebbe all’addio del primo: l’equazione è semplice.

Vagnati vuole Ludergnani della Spal in dirigenza: e Coppitelli?

Se lo scenario diventasse concreto, allora la posizione di Coppitelli diverrebbe meno salda di quanto non sia oggi. Il nuovo dirigente potrebbe mettere in discussione il tecnico romano, che con Bava ha formato un sodalizio vincente. E’ abitudine di chi si insedia al vertice, infatti, scegliere la guida tecnica: lo fece anche Vagnati, un anno fa, sostituendo Sesia con Cottafava (poi esonerato). Le novità arriveranno solo nei prossimi giorni. Ieri si sono registrati nuovi contatti tra Bava e Cairo, ma il presidente ancora non ha preso una decisione definitiva. Al responsabile delle giovanili lo lega un rapporto quasi decennale, ma il patron sta tenendo in considerazione anche la linea di Vagnati, più propenso al cambio.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 25-06-2021


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
3 mesi fa

Aspetto. Ma conoscendo il tipo, Cairo, non posso stare tranquillo.
Uno potrebbe pensare: visto il campionato appena passato, avrà capito, avrà imparato la lezione…
Ma si tratta di Cairo. Quindi di certezze o rassicurazioni, zero!

natali giancarlo
natali giancarlo
3 mesi fa

Se tali ipotesi rispondessero al vero sarebbe un’altro passo verso la sistematica distruzione di ciò che resta,molto poco,del ns. Toro.Le contestazioni ironiche tipo l’ultima, comunque a mio parere da ripetere,sono punture fastidiose al narcisismo del Beneamato ma nulla più.Il tifo organizzato nelle sue variegate forme ora che Covid ,salvo varianti,pare… Leggi il resto »

T9
T9
3 mesi fa

Non so se il tempo delle marce sia finito o se ci meritiamo o meno Cairo, di sicuro la tifoseria del Toro è mediamente molto molto anziana all’interno di un contesto di tifoseria italiana altrettanto attempato.

Gli anziani generalmente hanno poca voglia di fare manifestazioni.

madde71
madde71
3 mesi fa
Reply to  T9

I focolai di uno dura contestazione ci sono,vedremo un altro tipo di esperimento sociale

Linetty, l’Europeo lascia spazio al mercato: ora si decide il suo futuro

Calciomercato Serie A / Bologna su Kolarov, l’Inter segue Raspadori