Mario Rui si allontana? L’agente incontra il Milan

di Andrea Flora - 17 Giugno 2019

Calciomercato Torino / Il procuratore di Mario Rui, Giuffredi: “La nuova società del Milan mi ha fatto una buona impressione”

Iniziano le giornate afose del calciomercato e in attesa del primo luglio e della possibilità di ufficializzare passaggi e contratti, le trattative sono già iniziate. Per quel che riguarda il Torino, una di piste che sta seguendo il presidente Urbano Cairo è quella che porta a Mario Rui: terzino sinistro di proprietà del Napoli sul quale per c’è anche una folta concorrenza. Il portoghese è nel mirino anche del Milan e proprio questo pomeriggio, l’agente del giocatore, Mario Giuffredi, si è recato a Casa Milan per parlare con i dirigenti rossoneri.

Mario Rui: l’agente incontra il Milan

Oltre che di Mario Rui, nell’incontro tra il procuratore e i dirigenti del Milan si è parlato anche del centrocampista della Fiorentina Jordan Veretout (i cui interessi sono curati sempre da Giuffredi), ma ciò che interesse particolarmente al Torino e ai suoi tifosi e l’apertura dell’agente a un eventuale trasferimento del terzino dal Napoli alla società rossonera. “Mario Rui? Vediamo. La nuova società mi ha fatto un’ottima impressione, come sempre” ha dichiarato Giuffredi all’uscita di Casa Milan ai cronisti presenti.

Calciomercato Torino: Laxalt l’alternativa a sinistra

Come detto, il Torino ha messo Mario Rui in cima alla lista dei desideri ma il portoghese non è l’unica alternativa tra i possibili rinforzi per la fascia sinistra. Tra i giocatori seguiti con maggiore attenzione dalla società granata c’è anche Diego Laxalt, giocatore proprio in forza al Milan e che potrebbe essere ceduto in caso di arrivo di Mario Rui o di un altro esterno di difesa che giochi sulla fascia sinistra.

più nuovi più vecchi
Notificami
Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

Speriamo di schivarlo. A noi serve gente giovane e affamata.

mas63simo
Utente
mas63simo

Ma quando mai l abbiamo avvicinato !

fuser90
Utente
fuser90

Speriamo perché ci siamo scampati una sola colossale