Mihajlovic insiste e chiede rinforzi: summit di calciomercato in casa Torino

di Valentino Della Casa - 24 Gennaio 2017

Ieri lungo confronto con la dirigenza granata: si torna a trattare per Castro e Donsah, ma è necessario sfoltire la rosa a centrocampo

Ieri, la pausa di riflessione. Arrivata dopo una sconfitta, l’ennesima in trasferta, che brucia più di tutte, dato che spegne quasi del tutto le fatue fiammelle di speranza rimaste accese per un accesso all’Europa League. Ma ora il Torino ritorna alla carica sul mercato. Perché Sinisa Mihajlovic ha avuto modo di confrontarsi con la dirigenza granata, e ha fatto capire che, comunque sia, le lacune della squadra dovranno essere necessariamente colmate. Ora o a giugno, certo, ma prima i rinforzi arriveranno, meglio sarà, anche in ottica della prossima stagione.

castro chievoE così il Toro ha deciso di accontentare il suo allenatore, o per lo meno di provarci. E oggi tornerà alla carica per arrivare a uno dei due obiettivi principali della dirigenza granata: Lucas Castro da una parte, Godfred Donsah dall’altra. Due giocatori simili sotto certi aspetti (tanta grinta e fisicità), ma diversi sotto altri: l’uno è decisamente più maturo; l’altro è un talento da sgrezzare; l’uno può già nell’immediato cambiare il volto della linea mediana; l’altro necessiterà sì di un pochino più di tempo, ma ha la capacità di apprendere molto in fretta quello che gli viene spiegato.

Restano però, in entrambi i casi, nodi economici da sciogliere e che portano a una distanza tra i circa 8 milioni di euro chiesti da Chievo Verona e Bologna e i quasi 6 che avrebbe in mente Cairo di spendere. Non solo, dal summit è emerso anche un altro aspetto, quello delle cessioni. Il Toro ha bisogno di sfoltire la rosa, sta lavorando (ma non si registrano novità) per Vives alla Pro Vercelli, e solo quando avrà la certezza che un elemento partirà, allora si butterà in fretta e furia sull'”occasione” che, sovente, nelle ore frenetiche di mercato arriva a palesarsi. Un confronto utile, quello tra Mihajlovic e la dirigenza. Ma ora servono i fatti: con le parole la squadra non cambia. E nemmeno fa punti.

più nuovi più vecchi
Notificami
capitanamerica70
Utente
capitanamerica70

Il re (con la minuscola) ovvio è nuuudooooo!!!!L’avete finalmente capito si o no??!!??!!Io non vedrò mai il Toro vincere qualcosa,purtroppo,ma il Presiniente (questo si con la maiuscola) se ne andrà in Purgatorio dove credo mi troverà,mentre il Torino Fc vivrà ancora!!!
E ricordate,sua mamma da lassù gli manda strali.Vera tifosa,Lei.

Cla79
Utente
Cla79

Come gia riportato da qualcuno in cassa ci sono 40 M. Tutto il resto è noia.

Peter-Noster (Luigi Di Liberto aka Dilling)
Utente
Peter-Noster (Luigi Di Liberto aka Dilling)

W la mihamania, Fiducia, ottimista, felici e sereni per Urby&Siny! OLÉ Urby, Forza Siny!!!