Dopo i problemi invernali e le trattative di calciomercato, Ljajic è diventato un pilastro del nuovo Torino: bisognerà convincerlo a rimanere. Le offerte non mancano, e dopo il Mondiale…

Com’è volubile il mondo del calcio. Come cambiano le carte in tavola, praticamente dall’oggi al domani. Si aggiunga che il discorso riguarda il calciomercato, e il ribaltone viene amplificato ancora di più. Così, per Adem Ljajic e il Torino, ora, i rapporti sembrano incredibilmente invertiti. Incredibilmente, non per il valore (assoluto) del numero 10 granata, quanto piuttosto per come si siano clamorosamente invertite le gerarchie nel passaggio di modulo di Mazzarri e, soprattutto, nell’appianarsi dei problemi che legavano il giocatore al nuovo allenatore. “Ha capito quel che gli ho chiesto” ha più volte dichiarato il tecnico granata, che ha tenuto in panchina per tutto il mese di gennaio e quasi tutto quello di febbraio il fantasista serbo, in attesa che la società riuscisse a concludere una trattativa imbastita con lo Spartak Mosca, senza successo.

Calciomercato Ljajic: Mazzarri ora lo vuole tenere. Ma arrivano le prime offerte

Sembrava una “zavorra” (per citare Petrachi, in riferimento ai suoi primi giocatori gestiti da direttore sportivo del Torino, in Serie B), Ljajic. Ora, invece, non lo è più. Anzi, è un perno di tutto l’assetto tattico del Toro: colui a cui sono date le chiavi del centrocampo e della trequarti, con licenza di inventare per i compagni di reparto avanzati e, alla bisogna, di colpire lui stesso. Come è capitato con l’Atalanta, per esempio; o con l’Inter. Insomma, l’Adem granata è ora una vera e propria risorsa, e i suoi colpi non sono certo passati inosservati: proprio lo Spartak continua a monitorare molto da vicino il giocatore, la cui valutazione si è però alzata. Ma Ljajic vorrà restare a Torino? Se ne riparlerà verso la fine della stagione, prima della partenza per i Mondiali. Certamente, il Toro dovrà fargli capire quanto sarà importante per il prossimo campionato.

Calciomercato Ljajic: la valutazione si può alzare dopo i Mondiali

Già, i Mondiali. Ljajic sta giocando molto bene, e non dovrebbero esserci problemi di sorta nel vederlo convocato dalla Serbia per l’edizione di questa estate. Anzi, se le sue prestazioni dovessero essere in crescita, così come lo sono ora, la valutazione potrebbe schizzare ancora di più alle stelle. E le interessate, parimenti, aumentare. Ma il Toro potrebbe privarsi così di un suo big ritrovato? Mazzarri, ora, vorrebbe confermarlo. Ljajic non dice di no, ma vuole garanzie. Garanzie vere. Per evitare che un inverno come quello appena trascorso, non si ripresenti più.


20 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Viaggiatore
Viaggiatore
3 anni fa

Ljajic il maggior talento puro avuto da Cairo, era stato svenduto dalle big perchè discontinuo e bizzoso… ora più maturo e perfino leader, deve essere gestito meglio dopo questo orribile inverno (errori societari e di Petrachi). Anche Baselli va tenuto, sembra abbia trovato maturità e continuità e forse è il… Leggi il resto »

Giankjc (dito su🖕🏼per gli anonimi 🐇🐇🐇)
Giankjc (dito su🖕🏼per gli anonimi 🐇🐇🐇)
3 anni fa
Reply to  Viaggiatore

Ljajic è sempre il medesimo giocatore con la stessa capoccia, ma ancora con questa storiella per alimentare il percorso educativo imposto? È solo il giocatore più bravo nell’organico del Torino FC… trattato come una cassetta della frutta. Baselli nella stessa fase dell’anno scorso, a campionato finito, ha corricchiato un poco… Leggi il resto »

Giankjc (dito su🖕🏼per gli anonimi 🐇🐇🐇)
Giankjc (dito su🖕🏼per gli anonimi 🐇🐇🐇)
3 anni fa

Le ultime partite si di campionato le giocherà, più che giustamente, al piccolo trotto preservando le gambe. Ovviamente lui un obiettivo lo ha, con la sua nazionale.
Qualcuno pretenderebbe, dopo il trattamento ricevuto, che si faccia in quattro per rivalutare il gallo, basellao o niang?

Giankjc (dito su🖕🏼per gli anonimi 🐇🐇🐇)
Giankjc (dito su🖕🏼per gli anonimi 🐇🐇🐇)
3 anni fa

Situazione invertita? Ma di che scrivete? Stesso giocatore dal primo giorno a Torino con una pseudo-società e ora pure un allenatore a ruota, che dovrebbero essere mandati a fare incubo davanti a tutti. Peccato che il ragazzo è troppo raffinato e ben educato, contrariamente a quanto si dice. 9 panchine… Leggi il resto »

Calciomercato: Toro, riparti da Belotti? Cairo non ha dubbi, ma dopo il Milan c’è il Siviglia

Toro su Donnarumma, il bomber dell’Empoli: intreccio di mercato con Valdifiori