Calciomercato Torino / Pellegri arrivato, Ricci e Seck quasi. E sullo sfondo c’è Gatti. La mano di Juric dietro la svolta: dentro i giovani

Ivan Juric è uomo di lotta e di governo: in estate smontò pezzo per pezzo l’operato di Cairo e Vagnati sul mercato, nei mesi successivi ha tentato, più col fioretto che con la diplomazia, di costruire una nuova strategia per il Torino. Implorando la dirigenza non di investire milioni e milioni, ma semplicemente di compiere un’azione a costo (quasi) zero: ascoltarlo. Quando mancano pochi giorni alla fine delle trattative di gennaio si può già dire che – almeno in parte – le idee dell’allenatore abbiano attecchito. Ieri è stato il giorno di Pietro Pellegri, mentre si sta per concludere felicemente l’operazione che dovrebbe portare in granata Samuele Ricci dell’Empoli. Due giovani per rimpolpare la rosa e da far crescere: esattamente come da richieste di Juric.

Costruire il Toro del futuro: il piano di Juric

Così parlava il tecnico a metà dicembre: “Io lavoro per la società, non per me stesso. Qui non devono fare acquisti milionari ma creare giocatori in casa, investendo su giocatori che abbiano qualità per giocare bene e crescere. A discapito mio va questo discorso, perché per i giovani serve tempo: solo che se poi crescono la squadra è una squadra vera”. E ancora, dopo la Sampdoria: “Quel che possiamo fare è mettere dentro due o tre giovani di prospettiva che possono crescere con noi già pensando all’anno prossimo”. E’ il modo per reagire ad un periodo di ristrettezza economica, secondo Juric, anche se i due costano: 6 milioni per riscattare Pellegri, 10 per prendere a titolo definitivo Ricci (almeno è questa la struttura su cui si è costruita la trattativa).

Retromarcia su Nandez, all-in su Ricci

Eppure, in due, costerebbero meno di quanto il Torino avrebbe pagato il solo Nandez, per il quale si era aperta una trattativa (poi tramontata) col Cagliari. Proprio quest’inversione di rotta, da Nandez a Ricci, ben rappresenta la conversione della dirigenza, che a un colpo costoso e ad effetto ne ha preferito uno più economico e di prospettiva, sebbene dell’empolese già si dica un gran bene.

Oltre a Demba Seck della Spal, per cui la trattativa ha subito un’accelerata nelle ultime ore, sullo sfondo resta il difensore classe ’98 Federico Gatti, che sta giocando – e bene – in Serie B col Frosinone: i granata ci stanno provando da giorni, ma i ciociari per cederlo a gennaio vogliono incassare una somma ingente. Sono altri esempi, questi, del fatto che qualcosa, nel Toro, è cambiato. E dietro c’è la mano di Juric, che – forse per la prima volta – potrebbe trovarsi d’accordo con Cairo e Vagnati sulle scelte di mercato.

Ivan Juric
Ivan Juric
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 27-01-2022


48 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
3 mesi fa

Ripeto;Pellegri preso, arrivassero davvero anche gatti e ricci saremo nella giusta direzione. Se arrivasse anche demba, non capirei molto il senso di prendere lui e pellegri invece di lazetic. Può essere che quest’ultimo non sia arrivato non per la spesa dello stesso, ma perché avrà scelto il milan, infatti sommando… Leggi il resto »

Jones
Jones
3 mesi fa

sembra ed era logico al di la del dovere aspettare le ufficialità di queste trattatative che si sia finalmente cambiata strategia,l’unica credo che ci possa tirare fuori da questa disastrata situazione,non c’è altra via per società del nostro calibro,inutile rivangare la gloriosa storia con quella non costruisci nulla

Troposfera Granata
Troposfera Granata
3 mesi fa

Pellegri, ufficiale.

Pellegri libera Zaza, ma cederlo è difficile: ora il Toro ha 4 punte

Pietro Pellegri al Torino, è UFFICIALE: cifre e dettagli