Il Torino aspetta di conoscere la volontà di Moretti, aspetta Burdisso ma pensa anche al rinnovo di entrambi i contratti in scadenza nel 2018. Sono le settimane della verità

Non si è mai stancato di elogiarli, Walter Mazzarri. L’allenatore del Torino ha infatti a lungo parlato di Emiliano Moretti e Nicolas Burdisso, i cui contratti sono in scadenza nel 2018. Una questione di calciomercato apparentemente semplice: entrambi sono professionisti esemplari, entrambi spesso delle garanzie. Ma gli anni, per tutti, passano, e sia Moretti, sia Burdisso sanno di non essere più giocatori di primo pelo, per quanto non per questo motivo facilmente sacrificabili. E il dubbio del Toro è proprio questo: che fare dei due giocatori con il contratto in scadenza? Come procedono i dialoghi? Ci sono delle trattative in corso? La domanda necessita di essere sviscerata con cautela e dovizia di particolari.

Torino: Moretti resta? La decisione è solo sua: compreso il futuro in dirigenza

Emiliano Moretti sa di essere diventato un pilastro in questo Torino. Anche, se non soprattutto, per le straordinarie doti umane che lo rendono uno degli uomini più rappresentativi dello spogliatoio granata. Il difensore, classe 1981, ha instaurato un legame profondissimo con la città di Torino (sebbene abbia più volte fatto capire di voler tornare a vivere a Firenze, una volta attaccati gli scarpini al chiodo), e i tifosi del Toro gli sono particolarmente affezionati. Ma che fare? Il contratto in scadenza sta per diventare una realtà, e a Moretti si prospetta l’idea di rinnovare per un altro anno, diventare un dirigente (ma la prospettiva, per ora, non lo entusiasma, a livello generale) o semplicemente smettere qui. Ancora, a dire il vero, Moretti non ha deciso, ma se volesse continuare, la porta nel Torino sarebbe comunque aperta: farebbe da chioccia per i giovani, e Mazzarri ancora di recente, l’ha elogiato per l’applicazione, nonostante avesse visto poco il campo.

Burdisso: un Toro per Mazzarri. La società disposta a proseguire insieme

Nelle ultime gare, in verità, Moretti è sceso titolare anche per scelta tecnica, e ora con la possibile difesa a tre si riapre per lui la chance di essere titolare. Preferito a chi? Proprio a Burdisso, che però il Torino sembra poco intenzionato a lasciar partire a fine anno. Le sue prestazioni sono state per larga parte del campionato ampiamente convincenti, e come per Moretti è piaciuta molto l’applicazione e la capacità di insegnare qualcosa ai ragazzi più giovani. Per questo, il difensore argentino potrebbe rimanere ancora un altro anno. Come Moretti. Certo, la difesa non sarebbe giovanissima, ma potrebbe servire ai vari Bonifazi e Lyanco (che ancora si aspetta) per crescere parecchio. Torino, Moretti e Burdisso sono tutti di fronte a un bivio. Per ora, arrivano solo carezze. Ma per capire se ci sarà il matrimonio, ci vorrà ancora qualche settimana.


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giankjc (Gianky1969)
Giankjc (Gianky1969)
4 anni fa

Le chiocce.
Hai visto mai i nostri pulcini di 25anni soffriranno di disbarismo.

Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
4 anni fa

E Molinaro? Mica vogliamo lasciarlo in mezzo a una strada!

Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
Patsala58 (#Chiunquealtroforpresident!)
4 anni fa

Basta che non stiano in campo…. Sembriamo un reparto di gerontologia… Riprendere Scifo o Pecci, viste le carenze a centrocampo? Magari farispenti sta trattando gli ingaggi….

Cairo chiude le porte alla cessione del Gallo: “Belotti sta bene qui”

Calciomercato, Faragò: il Torino ci riprova, con il Cagliari possibile incontro