Torino, Giampaolo, Juric o Longo: il punto sull'allenatore del prossimo anno

Toro, idea Giampaolo, concorrenza per Juric, ma Longo merita una chance: il punto

di Andrea Piva - 20 Maggio 2020

Il primo compito del neo ds Davide Vagnati sarà risolvere la questione allenatore: Moreno Longo merita un’occasione per guadagnarsi la conferma

Marco Giampaolo, Ivan Juric ma anche Rolando Maran e Leonardo Semplici: alla panchina del Torino negli ultimi giorni sono stati accostati i nomi di diversi allenatori. Questo perché con l’arrivo del nuovo direttore sportivo, Davide Vagnati, il presidente Urbano Cairo ha iniziato a prendere in considerazione anche l’ipotesi di un altro cambio alla guida della squadra, dopo che solamente poche settimane prima dello stop del campionato l’aveva affidata a Moreno Longo. E proprio l’ex tecnico della Primavera dovrà ora condurre la formazione granata alla salvezza, nel caso in cui la serie A dovesse riprendere.

Torino: da Giampaolo e Juric, tutte le opzioni per il futuro

Tra gli allenatori che sono seguiti per la prossima stagione, come detto, c’è Ivan Juric: il tecnico croato fino a questo momento ha ottenuto risultati straordinari e sorprendenti alla guida del neopromosso Hellas Verona, autentica squadra rivelazione del campionato, che è tra l’altro in lotta per la qualificazione alla prossima Europa League. L’ottima stagione dei veneti non è passata inosservata neanche al di fuori dei confini nazionali, tanto che anche il West Ham sta pensando a Juric come allenatore per l’anno prossimo. In Italia, invece, a far concorrenza al Torino c’è la Fiorentina. Sembra invece meno complicata la strada che porta a Marco Giampaolo: il tecnico è ancora sotto contratto con il Milan ma i rossoneri lo libererebbero volentieri in modo da risparmiare su un ingaggio. Sono invece più indietro nelle gerarchie gli altri candidati alla panchina granata.

Torino: Longo merita fiducia

Qualche possibilità di restare ce l’ha però anche Moreno Longo: se il campionato dovesse effettivamente riprendere, il tecnico avrà tredici partite di tempo per dimostrare, sul campo, di meritarsi pienamente la panchina del Torino e guadagnare il rinnovo del contratto in scadenza a fine stagione.

E la fiducia di Urbano Cairo la meriterebbe pienamente. Non solo per quanto dimostrato negli anni con la Primavera (ma anche alla Pro Vercelli o al Frosinone), ma perché non si possono di certo imputare all’allenatore grosse responsabilità neanche per le tre sconfitte nelle sue prime tre partite sulla panchina granata: ha ereditato una squadra completamente allo sbando – reduce dal 0-7 casalingo contro l’Atalanta e dal 4-0 subito a Lecce nelle ultime due partite di campionato giocate sotto la guida di Walter Mazzarri – e con una condizione atletica pessima. E’ decisamente ancora troppo presto per bocciare Longo, ma lo è anche per abbandonare quel processo di granatizzazione, iniziato proprio con l’arrivo dell’ex tecnico della Primavera (e del suo staff di cui fa parte anche Antonino Asta), che a questo Torino, da tempo sempre più lontano dai propri tifosi, farebbe più che bene.

Moreno Longo
Moreno Longo

18 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Granata_da_Legare
Granata_da_Legare
6 mesi fa

Se arriva Giampaolo è la volta che smetto di andare allo stadio, disdico Sky e brucio la radio . Dopo WM la misura è colma

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President & premiata colluseria cairota out)
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President & premiata colluseria cairota out)
6 mesi fa

Secondo il mio parere cambiare Mister ( un’altra volta ) adesso sarebbe un suicidio. Mi auguro che Longo riesca a rabberciare i danni fatti da Mazzarri sotto indicazione del capetto. Poi se ci salveremo si vedrà , con chi andare avanti e come gli verrà costruita la Squadra. Tutti e… Leggi il resto »

ToniToro76
ToniToro76
6 mesi fa

Caro Vegeta non è che sei della Giuventus? Cosa poteva fare Longo con una squadra allo SBANDO? Innanzitutto ha fatto da parafulmine a tutti ed evitato contestazione ai quei pseudo giocatori … con la Samp ha avuto 4 giorni per lavorare e poi ha fatto 2 trasferte con Napoli e… Leggi il resto »

Casao92
Casao92
6 mesi fa
Reply to  ToniToro76

Spal, Samp, Genoa e Fiorentina hanno cambiato allenatore ed al mercato di gennaio sono arrivati nuovi giocatori. Al Lecce a gennaio sono arrivati nuovi giocatori.

davidone5
davidone5
6 mesi fa
Reply to  ToniToro76

D’accordo che ha preso la squadra in un momento di difficoltà ma con lui in panchina non abbiamo mai tirato in porta.

Vegeta
Vegeta
6 mesi fa
Reply to  ToniToro76

Il cambio d’allenatore nell immediato deve dare entusiasmo… Longo appena arrivato si è messo a parlare di Serie B di guardare le spalle.. mettendo paura ad una squadra già in difficoltà che comunque 15 giorni prima era andata a San Siro contro il Milan in coppa Italia e vinceva 2-1… Leggi il resto »

eroico67
eroico67
6 mesi fa
Reply to  Vegeta

Detto bene fino al 92 esimo… (persa 4 2)la stessa che 15 giorni prima prendeva 7 pere dall’Atalanta e come non dimenticare le entusiasmanti sconfitte con il lecce andata e ritorno… una squadra così in forma con una mentalità così aggressiva e vincente. E poi ingiustamente è arrivato quel cattivone… Leggi il resto »

Vegeta
Vegeta
6 mesi fa
Reply to  eroico67

Una sqtche nel girone d’andata ha fatto 27 punti era a due punti dal 6 posto…