Calciomercato Torino / I primi frutti del lavoro di Juric si sono visti anche sui singoli: Milinkovic-Savic sta reggendo l’urto, Bremer spadroneggia

In estate, Ivan Juric, è stato scelto dal Torino anche per la sua capacità di valorizzare i calciatori che meglio si riescono a integrare nel suo progetto tattico e umano. Ci era riuscito a Verona, in due anni vissuti ad alta intensità: Cairo e Vagnati volevano vedere, in granata, lo stesso percorso. E qualche primo risultato già si è osservato, in cinque mesi di gestione. A partire, ad esempio, dal portiere. Puntare su Milinkovic-Savic come primo è stata una scelta della società. Juric l’ha accettata e mai ha sfiduciato il suo titolare, costruendogli davanti una fase difensiva efficace senza rinunciare a pungolarlo sui miglioramenti che ancora dovrà compiere.

Vanja e Bremer: così Juric li ha valorizzati

Da misteriosa riserva, spedita in prestito di tanto in tanto, Vanja è diventato un inamovibile, con annesso aumento del suo valore. Per ora, insomma, ha retto l’urto, nonostante la mole di critiche (anche giustificabili, vedendo il curriculum del serbo) che la piazza aveva rivolto al club per aver scelto di sostituire Sirigu senza passare dal mercato.

Chi con Juric si è definitivamente imposto ad altissimi livelli è Bremer, che nelle due passate stagioni era stato penalizzato da un sistema troppo fragile. Ora che il Toro tutto è più solido, il brasiliano sta dimostrando di essere uno dei migliori del suo ruolo in Serie A. Certo, questo dovrà accelerare la partita per il rinnovo di contratto (in scadenza nel 2023), ma sarà la società a doversene occupare.

Ora si aspetta anche Zima

Tanti sono gli esempi che si possono fare. Ci sono i rilanciati, ad esempio: Djidji, Rodriguez e Aina in primis. Ma anche chi, come Lukic, ha trovato uno spessore con Juric in panchina, dopo anni da centrocampista bidimensionale. Ora il classe 1996 ha una personalità e un ruolo definiti: vale di più, in buona sostanza, non solo a livello economico ma anche sportivo. Singo, poi, ha fatto anche lui un balzo in avanti, ma in questo sistema deve dare ancora qualcosa in più. Con i gol e gli assist diventerebbe un esterno completo. Mentre si aspettano i risultati su ragazzi più giovani come Buongiorno, Zima e Kone, sono già tanti gli esempi dell’impatto che Juric ha avuto sul Torino in questi mesi. Un toccasana, per un club che negli ultimi due anni aveva dilapidato reputazione e valore economico della rosa.

Ivan Juric
Ivan Juric
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 15-11-2021


Warming verso il prestito: tra le opzioni c’è l’Alessandria di Longo

Mercato, Juric spera in Cairo: ma a gennaio il Toro è cambiato poco