Calciomercato Torino / Quanto è costato Magnus Warming, l’attaccante danese classe 2000 che è una scommessa di Vagnati

E’ arrivato a sorpresa nella mattinata del 9 luglio, Magnus Warming, che al Filadelfia si sta allenando con il Torino di Ivan Juric. L’attaccante danese, classe 2000, è arrivato in granata dal Lyngby, squadra danese retrocessa in seconda divisione nell’ultima stagione. Ma quanto lo ha pagato il Toro? Per il presidente Cairo è stato un investimento low cost. Le cifre, svelate da Sky Sport, parlano di 1,5 milioni di euro per l’acquisto del cartellino del giocatore, più bonus legati al rendimento e una percentuale sulla futura rivendita. La società lo ha preso su spinta del direttore tecnico Vagnati, i cui osservatori hanno seguito Warming nelle partite con il Lyngby e con la Nazionale Under 20.

Magnus Warming
Magnus Warming
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 10-07-2021


11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
AstroMaSSi
AstroMaSSi
4 mesi fa

Non è un colpo, sono 1,5 milioni nella spazzatura. D’altronde uno che prende Gojac (che non era male ma non pronto e mal gestito) dopo una telefonata a Pjanic per mancanza di idee cosa può fare di intelligente e pianificato?

MondoToro
MondoToro
4 mesi fa
Reply to  AstroMaSSi

Ma sono tutti giocatori che non vengono pagati quanto scritto, e Dio solo sa se vengono pagati o neanche quello. È un po’ come i volanti di F1, se lo sponsor spinge, tu hai una macchina. Questi ragazzini qui sono spinti dai procuratori e nessuno metterebbe mai sul piatto 1,5… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
4 mesi fa

Che emozione!!!

T
T
4 mesi fa

L’avesse preso l’Atalanta, che ha osservatori che da anni pescano perfetti sconosciuti forti e li inseriscono in un contesto organizzato, sarei per lo meno curioso. Questo, anche fosse un potenziale campione, qui dentro si brucia subito. E la “rete” di osservatori di Vagnati non dà certo le garanzie di quella… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
4 mesi fa
Reply to  T

Non ti preoccupare, adesso abbiamo gli osservatori e l’organigramma della spal, che più o meno è uguale a quello dell’Atalanta, anche come risultati sportivi. Ora la differenza tra noi e la spal è che loro hanno strutture migliori

T
T
4 mesi fa
Reply to  ardi06

Potremmo sempre trasferirci a Ferrara e affittargliele. Cosi colmeremmo anche quest’ultimo gap.

Juric rinuncia a Gunter e Dawidowicz: niente “spesa” a Verona

L’allenatore detta le priorità a Vagnati: c’è un trequartista in cima alla lista