Coppitelli: “Partita stregata. Oggi un turnover in vista dei playoff”

di Veronica Guariso - 19 Maggio 2019

Federico Coppitelli ha commentato la sconfitta incontrata contro il Sassuolo Primavera, che ha visto il Torino sconfitto per 3-1

Federico Coppitelli ha commentato la sconfitta rimediata dai suoi contro il Sassuolo. Un 1-3 pesante, che lascia i granata qualificati per i playoff ma elimina la possibilità di arrivare più su. “Sfortuna? Speriamo ci torni indietro qualcosa ai playoff. Abbiamo fatto una buona partita. In queste partite stiamo dando spazio ad alcuni elementi. Oggi c’è stata la prima vera occasione di Buonavoglia dal problema che ha avuto, Potop, è tornato Murati, stiamo rivitalizzando qualcuno per i playoff. Non fa piacere perdere ma ai ragazzi posso rimproverare poco. Rigiocandola allo stesso modo non la riperderemmo.” queste le parole del mister granata che ha parlato delle strategie attuate in vista dei playoff: “Non abbiamo giocato a perdere ma vanno fatti ragionamenti in vista dei playoff. Stiamo cercando di recuperare qualche ragazzo come Michelotti e Sportelli. Lo stesso Kone era ancora non al meglio per il problema al ginocchio, poi è stato ammonito e lo abbiamo preservato. Ovvio che vorremmo arrivare terzi e c’è ancora la possibilità e sarebbe meglio così. Se però vuoi provare a vincere la differenza tra terzo e quarto posto non è ampia. Noi poi dobbiamo vincere l’ultima partita.

Coppitelli: “Oggi partita stregata”

Il mister ha continuato parlando delle occasioni avute nel corso del match e delle condizioni dei singoli: “Stiamo cercando di dare minuti a ragazzi che rientrano con noi come Singo, De Angelis che sta cercando di reintegrare. Nelle riflessioni conta anche quello. Oggi contavamo di fare una buona prestazione ed è successo.”.

Si è soffermato sull’andamento del match: “Poi ci sono stati episodi. Fatico a ricordare altre partite come questa dove abbiamo preso il primo gol, poi abbiamo pareggiato. C’era un rigore clamoroso su Rauti poi, con il secondo gol completamente fuori contesto con la bandierina alzata e tutti fermi. C’è stata poi l’occasione di Petrungaro, la traversa di Belkheir, i vari pali.
Oggi non ho capito bene cosa sia successo. Le regole non le ho capite. Devo valutare anche questo. La partita era stregata e ci sta. A livello di campionato siamo in credito da questo punto di vista. L’importante era vedere la squadra che stesse bene e così è stato.“.

Coppitelli: “Due stagioni molto positive”

Coppitelli ha cercato di delineare i punti di forza della sua squadra, facendo i complimenti al gruppo per i due anni dagli ottimi risultati: “Punti di forza e debolezze? Noi siamo partiti molto bene. Da due c’è questa forma in campionato e noi sono due anni che a 3 giornate dalla fine siamo dentro ai playoff. Guardando anche gli altri, questo gruppo ha fatto queste due stagioni in maniera molto positiva e gli va dato grande atto. Dobbiamo viverla con grande soddisfazione e già questo è un aspetto. Noi per infortuni, situazioni, abbiamo dovuto ricucire il vestito giusto alla squadra Facciamo fatica ad incidere in queste partite, ma oggi così non è stato.“.

Ha poi parlato invece dei difetti da correggere per i playoff: “Oggi la difesa con Gilli a sinistra, che è la prima volta che gioca lì, Singo alla 5a partita con noi, Marcos stesso discorso, Erick che vive la prima squadra, è ovvio che noi abbiamo patito questo. Chi vive la prima squadra trae insegnamenti incredibili, ma è chiaro che dall’altra parte ci sono alcuni difetti con le collaborazioni con i compagni. Sono cose che in questo momento si concedono. Mi auguro che tra 20 giorni da questo punto di vista saremmo più lineari. Ora è normale che sia così e sarebbe strano il contrario.“.

Coppitelli: “Vorrei entrare nel circuito dei grandi un domani”

Coppitelli ha poi parlato di questi tre anni al Torino:” Questa società è attenta e presente. Porta pressione ma anche organizzazione. Noi siamo una prima squadra. Questi tre anni mi hanno formato molto. La Primavera è un campionato difficile. E’ un campionato che non ha eguali. Ci sono 16 squadre dove è difficile valutare, tranne che per l’Atalanta. Questo è un campionato durissimo. Io più che fare un bilancio su me stesso lo faccio sul format. Mi ha formato molto. Il Toro Primavera ha già l’importanza di una prima squadra, anche con i tifosi che sostengono sempre i ragazzi, ma ai quali bisogna dare conto. Non pensavo che dopo tre anni avrei fatto le considerazioni che sto facendo adesso.

Ha poi parlato del suo futuro: “Mi sento bene, tutte le persone con cui ho collaborato mi hanno migliorato. Bava è molto bravo, ma è esigente. Molte volte mi stimola a fare bene. Per la prima volta ho vissuto lontano dalle mie radici e mi sono trovato molto bene. Un domani spero di fare bene nel calcio. Mi piacerebbe avere la possibilità. Qui non è semplice. All’estero avrei avuto più facilmente un’occasione. In Italia si valutano altre cose, non ho un passato importante da ex giocatore. Nel settore giovanile mi sono creato la fama però nei grandi è difficile. Ci va la situazione giusta. Molte volte poi le squadre scelgono per non sbagliare, non per provare a . Un domani vorrei fare il salto.”.

più nuovi più vecchi
Notificami
Benvenuti
Utente
Benvenuti

Difesa oggi scandalosa e tanta fortuna a loro 3 minkiate nostre e 3 gol .cmq oggi giornata no x il Toro. 1-3 la primavera. 1-4 in campionato e 1-2 gli allievi escono fuori subito

gix
Utente
gix

oggi abbiamo creato più occasioni di altre volte,non abbiamo giocato benissimo ma pur calcolando il gol probabilmente di mano di Belke,meritavamo anche di vincere…è il calcio

vetusurbs
Utente
vetusurbs

Si effettivamente abbiamo dominato la partita e siamo nettamente superiori al Sassuolo di oggi.. Secondo me trasmetti troppa frenesia in attacco, la partita era in mano nostra ma troppe situazioni forzate anche dai tuoi continui incitamenti a fare le cose veloci.. Troppe scelte fatte senza valutare la situazione in area… Leggi il resto »