Primavera, il Torino contro la Fiorentina per lasciare la metà classifica

Primavera, con la Fiorentina per uscire dal limbo di metà classifica

di Andrea Flora - 14 Febbraio 2020

Il Torino Primavera arriva dallo 0-0 contro il Genoa e sabato, contro la Fiorentina, serve una vittoria per togliersi dal limbo di metà classifica

Cinque vittorie, sette pareggi e sei sconfitte: questa è la situazione del Torino Primavera di Marco Sesia che, dopo il ko alla prima di ritorno contro il Napoli e la vittoria contro la Roma in rimonta per 2-1, ha pareggiato in casa per 0-0 contro il Genoa. I granata per accorciare sulle prime della classifica e lasciare definitivamente il limbo della metà classifica domani (gara in programma a Firenze alle 11) avranno l’occasione per cercare di farlo contro la Fiorentina, di nuovo in casa. La viola galleggi nelle zone basse della classifica a quota 18 punti (+3 sul Pescara terzultimo): sabato mattina sarà fondamentale per i granata non sbagliare per cercare di fare quel tanto sperato passo avanti che si rimanda da troppe settimane. La Primavera del Toro ha bisogno di vincere anche per non rischiare di essere trascinata nelle zone basse della classifica attualmente distanti 4 punti sui granata.

Fiorentina, solo una vittoria fuori casa in campionato

La Fiorentina arriva da due sconfitte consecutive: la prima quella in casa contro l’Inter per 2-1, mentre nell’ultimo turno c’è stata la caduta esterna sul campo della Roma sempre per 2-1. Le statistiche parlano di una Fiorentina che varcati i confini territoriali fatica a imporsi: una sola vittoria (contro il Bologna per 1-0) contro le 5 sconfitte e i 3 pareggi; mentre in casa la formazione toscana ha trovato fin ora equilibrio nei risultati: 3 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte. I viola segnano abbastanza ma subiscono anche molto: 24 reti fatte contro le 26 subite.

La Fiorentina ha tre giocatori che insieme hanno realizzato complessivamente 10 gol, poco meno della metà di quelli segnati in totale dalla viola; si tratta di Christian Loic Koffi autore di 4 reti, Bobby Duncan e Alessandro Lovisa che invece hanno segnato tre gol a testa.