Primavera, le pagelle di Torino-Juventus 2-2: Millico il migliore, Ferigra alterno

1
Ferigra Primavera
Erick Ferigra of Torino FC looks on during the TIM Cup football match between Torino FC and Cosenza Calcio.

Le pagelle di Torino-Juventus 2-2: Rauti segna un gol ma se ne divora altri due che avrebbero potuto regalare la vittoria ai granata

GEMELLO 6: nel primo tempo compie una parata a dir poco prodigioso su Portanova, quando il parziale è di 0-1. Se la palla fosse entrata la partita sarebbe potuta finire in maniera diversa. Poteva forse fare qualcosa in più sul secondo gol bianconero.

GILLI 6: inizia la partita sulla fascia destra poi, dopo l’uscita dal campo di Samake, viene spostato su quella sinistra. La sua prestazione è positiva su entrambe le fasce, in particolare per quanto riguarda la fase difensiva.

FERIGRA 6: alterna ottime giocate difensive e alcuni interventi da applausi con errori che non ci si aspetterebbe di vedere da un giocatore con le sue qualità e la sua esperienza in questa categoria. Alla fine, però, la bilancia pende per le cose positive fatte durante la partita.

CAPONE 6.5: è costretto a giocare quasi tutta la partita con una vistosa fasciatura alla testa a causa di un’involontaria testata con Onisa nella prima parte di match. La sua prestazione non ne risente, è sempre concentrato e attento in difesa.

SAMAKE 5: è in grande difficoltà contro Moreno Taboada. Viene spesso saltato e in più di un’occasione è costretto a ricorrere alle cattive per fermare l’avversario finendo anche nella lista degli ammoniti. Coppitelli lo richiama in panchina già nel primo tempo. (pt 36′ AMBROGIO 6: non spinge molto in avanti ma è attento in fase difensiva. Non si fa praticamente mai saltare dagli avversari frenando diversi attacchi bianconeri).

ADOPO 5.5: prova a fare la differenza in mezzo al campo con la sua fisicità ma non sempre ci riesce. In un paio di occasioni ha la possibilità di andare alla conclusione da dentro l’area di rigore ma finisce con il pasticciare sempre con il pallone e perderlo.

ONISA 6: è costretto a lasciare il campo nel secondo tempo dopo aver preso un forte colpo al costato. Fino a quel momento la sua prestazione era stata buona, arricchita da qualche buona verticalizzazione per i propri compagni di squadra. (st 23′ DJOULOU 5: si divora il gol del possibile 3-2 da solo davanti al portiere ciabattando male il pallone. Poi sparisce dalla partita)

DE ANGELIS 6.5: si procura il calcio di rigore che consente a Millico di segnare la rete del momentaneo 1-1. Gioca una partita di sostanza in mezzo al campo, non lesinando qualche giocata di buona qualità.

KONE 6: dà sempre l’impressione di poter inventare da un momento all’altro qualcosa di pericoloso e dal punto di vista della grinta e della voglia non è secondo a nessuno. Commette però qualche errore di troppo con il pallone. (st 35′ MURATI: sv)

RAUTI 6: bravo a segnare la rete del momentaneo 2-1, ma nel secondo tempo spreca per due volte l’occasione di portare sul 3-2 il Torino non sfruttando al meglio due belle ripartenza della formazione granata. (st 35′ PETRUNGARO: sv)

MILLICO 7.5: un gol e un assist per il numero 11 granata. Freddo come al solito dal dischetto quando deve battere il calcio di rigore, bravo nel servire a Rauti un pallone che è solo da spingere in rete permettendo al Toro di andare momentaneamente sul 2-1. E’ il migliore in campo.

All. COPPITELLI 6.5: il suo Toro può giocarsela con chiunque e può battere chiunque. La dimostrazione arriva quest’oggi contro una Juventus che finora aveva sempre vinto, sia in campionato che in Youth League. Non si accontenta del pari, l’allenatore granata, lo dimostra inserendo nel secondo tempo Djoulou, una punta, al posto di Onisa, un centrocampista.

Arb. ROBILOTTA 6: potrebbe estrarre qualche cartellino in più ma la sua direzione di gara è comunque precisa. Giusta la decisione di concedere il rigore al Torino per il fallo di Morrone su De Angelis.

più nuovi più vecchi
Notificami
rotor
Utente
rotor

Bravi ragazzi,ma spiace dirlo, vedendo la partita mi sono reso conto che Djoulou e’ assai scarso.