Soltanto tre punti a dividere le due squadre. Da confermare l’ottimo trend difensivo contro il miglior attacco del campionato

Dopo due gare casalinghe, il Torino Primavera torna a giocare in trasferta. Di fronte ai granata un’altra sfida da dentro o fuori per la corsa ai playoff. Quest’oggi alle 15, i ragazzi di Coppitelli si confronteranno con la Sampdoria di Felice Tufano, sesta in classifica e dunque occupante dell’ultimo posto utile per qualificarsi alla post season. Il Toro ora è distante soltanto tre lunghezze e l’ultima vittoria sul Sassuolo ha fornito conferme su come il periodo peggiore sia ormai alle spalle.

La partita della verità per la difesa granata

La squadra di Coppitelli è tra le più solide del campionato. Due clean sheet consecutivi (contro Genoa e Sassuolo) e un solo gol subito nelle ultime quattro, sembrano di fatto mettere in gattabuia un inizio di 2022 piuttosto traballante con dieci reti incassate nelle prime cinque uscite. La partita con la Sampdoria è, sotto l’aspetto difensivo, quella della verità. I blucerchiati sono il miglior attacco del campionato (47 gol) e dalla loro possono vantare il capocannoniere del torneo Di Stefano (11 reti), autore di una doppietta nell’ultima gara con il Cagliari, da cui la Samp è uscita con un solo punto. La squadra di Tufano non vince infatti da tre partite, da cui ha racimolato soltanto due punti.

In casa della Samp poche soddisfazioni

Possono però contare su uno storico piuttosto favorevole nelle sfide interne col Torino. A Biella i granata sono riusciti a imporsi 2-1 con i gol di Garbett e Baeten. La Samp si è però vendicata più avanti eliminandoli dagli ottavi di Coppa Italia ai supplementari sul 3-2 finale. Per ritrovare una vittoria del Torino a Bogliasco bisogna andare a ritroso fino alla stagione 2017-2018, quando la squadra di Coppitelli si impose 0-1 con gol decisivo di Butic.

Federico Coppitelli
Federico Coppitelli
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 14-03-2022


Coppitelli: “Orgoglioso dell’approccio di tutti”

Primavera, Sampdoria-Torino 0-0: il tabellino