Torino, Bava: “La Primavera? Finale di Coppa Italia da gustare. Poi, il Robaldo”

di Redazione - 10 Aprile 2018

Lunga intervista a Massimo Bava, responsabile del settore giovanile del Torino: “Al Filadelfia atmosfera magica. Coppitelli ha doti umane straordinarie. Che bello vedere i giocatori in prima squadra”

C’è una Coppa Italia Primavera da conquistare. Ed è il primo obiettivo che Massimo Bava, responsabile sempre più affermato del settore giovanile del Torino, vuole ora conquistare. Ma niente azzardi o facilonerie, la finale di ritorno, Milan-Torino, “sarà una partita durissima. Il Milan è una squadra che ha tanta qualità e noi dobbiamo essere bravi a tenere altissima la concentrazione. Vietato abbassare la tensione proprio a San Siro” dice Bava, felice però che la sua Primavera al Filadelfia abbia fatto più che bene. “Il risultato è bello, ma l’atmosfera che si respirava lì lo è stato anche di più: per noi il Fila è un valore aggiunto”. E poi, continua Bava, c’è quella bella continuità con la prima squadra, quelle chiamate che non sottraggono elementi alla Primavera di Coppitelli, quanto ne aggiungono piuttosto alla squadra di Mazzarri: “Barreca, Bonifazi, Buongiorno ed Edera, per esempio. Senza dimenticare che in questi anni ne sono passati anche altri. Il nostro obiettivo deve essere quello di avere un buon livello del settore giovanile e far arrivare un giocatore all’anno in serie A” dice in una lunga e interessante intervista per il quotidiano La Repubblica.

Torino Primavera, Bava: “Coppitelli ha raccolto un’eredità pesante. E ora, aspettiamoci il Robaldo”

Massimo Bava, tra i vari punti toccati, si è anche soffermato sull’allenatore del Torino Primavera, Federico Coppitelli: “Ha cercato di capire subito” dice, “le differenze fra Roma e Torino. Ha concluso il primo anno con un campionato degno, raccogliendo l’eredità pesante di Longo, e ora ci sta mettendo del suo. Crede nel suo lavoro, e ha grandi doti tecniche e umane”. Ma Bava, ora, guarda avanti. Al di là della Primavera, o delle altre squadre che si stanno disimpegnando nel settore giovanile. C’è ancora una casa, da costruire: il Robaldo. “Sarà quello il nostro prossimo colpo” assicura. “Diventerà il centro sportivo del settore giovanile. La nostra casa per avere tutte le categorie in un unico luogo”. Insomma, sguardo al presente, ma anche al futuro. Passando per una Coppa Italia Primavera contro il Milan che deve essere vinta.

più nuovi più vecchi
Notificami
offidagranata
Utente
offidagranata

Qui c’è gente competente e si vede nonostante un portafoglio vuoto grazie a BRACCINO.
BRACCE-MOZZE E LECCAPIEDI IN MARATONA ANDATEVENE

Tanaka
Utente
Tanaka

Sta facendo miracoli con un badget da serie B

Massimo 1963 (lamaratona2.0)
Utente
Massimo 1963 (lamaratona2.0)

Massimo Bava è veramente bravo.