Torino Berretti, alle 18 la finalissima col Sassuolo: in palio c’è lo scudetto

0
Fogli Torino

La Berretti di Fogli si gioca la finale scudetto contro il Sassuolo: in palio un altro grande trofeo per il settore giovanile granata

Per la Berretti granata, quella di oggi, sarà una giornata storica. Quel 3-2 inflitto all’Inter, ottenuto in rimonta dopo l’iniziale 2-0 dei neroazzurri, ha infatti regalato ai ragazzi di Fogli la finale scudetto che i granata si giocheranno, questo pomeriggio alle 18, contro il Sassuolo. Una sfida, quella che andrà in scena allo Stadio Comunale “Leonardo Petruzzi” di Città Sant’Angelo, che metterà di fronte due formazioni protagoniste del Girone A di questo campionato Berretti. I neroverdi, infatti, si sono aggiudicati la vittoria del girone con 38 punti, frutto di 11 vittorie, 5 pareggi e sole 3 sconfitte. La squadra di Fogli, invece, nello stesso girone proprio del Sassuolo si è posizionata al 3° posto, a 5 lunghezze dagli avversari di questo pomeriggio con all’attivo 9 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte. Una differenza non certo abissale tra le due squadre, confermata anche dai risultati dei precedenti: le due formazioni, infatti, si sono incontrate due volte in campionato chiudendo entrambe le sfide sull’1-1. Una finale che si prospetta dunque equilibrata ma combattutissima e che potrebbe permettere al Torino, in caso di vittoria, di alzare l’ennesimo importante e storico Trofeo del settore giovanile granata.

Fogli: “Le finali sono una partita a sè ma vogliamo vincerla”

I ragazzi di Fogli sono dunque pronti ad affrontare la loro finale, la loro partita che vale una stagione intera. Una stagione che, indipendentemente dal risultato della sfida contro il Sassuolo, ha già regalato grandi soddisfazioni ai ragazzi e al tecnico granata che presenta così la sfida scudetto: “Quest’anno abbiamo giocato tante partite e vissuto molte situazioni importanti. Penso che i ragazzi abbiano fatto un percorso notevole durante tutta la stagione, poi è normale che nelle ultime partite si definisca l’annata in base ai risultati che si ottengono. Però è anche giusto che sia così, noi siamo contenti di fare questa partita dopo un anno di duro lavoro. Siamo consapevoli che le finali sono delle partite a sè, ci sono tanti aspetti che possono determinare il risultato. Noi vogliamo provare a ottenere il massimo. In queste partite è importante crearsi delle motivazioni e saperle tirare fuori nel modo migliore, un po’ come abbiamo fatto al Filadelfa contro l’Inter. Ma domani sarà un’altra storia, è una finale e vogliamo vincerla“.