Giovanili / Fissato un incontro tra il Torino e Coppitelli: il faccia a faccia indirizzerà il futuro della Primavera. Il cambio è possibile

Un confronto, poi la decisione. Lo snodo per decidere il futuro del Torino Primavera è in calendario nella settimana che comincia oggi. Domani o al più tardi mercoledì, è fissato il summit tra il responsabile del Settore Giovanile, Ludergnani, e l’allenatore dell’Under 19, Federico Coppitelli. I due si parleranno e, di comune accordo, sceglieranno se proseguire insieme o se salutarsi. L’addio è una possibilità concreta, ma sarà solo il confronto a mettere l’ultima parola: in quella sede, infatti, il dirigente e il tecnico metteranno sul tavolo le rispettive necessità e ne usciranno con la scelta definitiva.

Primavera, la scelta dell’allenatore è il primo scoglio

Coppitelli è tornato al Torino nel 2021, per sistemare i disastri della gestione Cottafava e salvare la squadra. Nella stagione da poco conclusa, i Torelli hanno deluso nel girone di ritorno, dopo un’andata che aveva alimentato il sogno playoff. Il tecnico, comunque, ha dimostrato di sapersela cavare con un gruppo costruito in fretta e furia ad agosto. Ludergnani ha il compito di valutare quanto fatto e di capire se, per il futuro, serve una svolta in panchina o se, di nuovo, la via giusta è quella della continuità. Dopo aver scelto l’allenatore, arriverà il momento di pianificare la stagione, ripartendo dai 2004 come Dellavalle, Gineitis, Caccavo e dal 2005 Ciammaglichella, aspettando l’infornata proveniente dall’Under 18 di Asta.

Federico Coppitelli
Federico Coppitelli
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 06-06-2022


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
suoladicane
suoladicane
8 mesi fa

Ad urbanetto non è mai interessato il vivaio, avesse voluto in 17 anni avrebbe ottenuto fior di risultati, però…….

ardi06
ardi06
8 mesi fa

Diciamo che il Robaldo sarebbe la base di partenza per tante cose

T9
T9
8 mesi fa

La Primavera non si fa per vincere ma per svezzare i giocatori di domani o quelli di oggi da aggregare in prima squadra in caso di necessità.

Metteteci uno che la faccia giocare col 3421 e mandateci ogni tanto Juric a fare qualche stage.

Primavera: non solo Zanetti, anche Baeten non verrà riscattato

Primavera, Gineitis firma il suo primo contratto da professionista