L’allenatore aveva parlato della sfida di Marassi come quella della svolta. Il pareggio allontana il Toro dalla zona Europa e complica la strada

Juric aveva indicato la sfida di Marassi come quella decisiva, parole sue, per il futuro del Toro. Decisiva per il campionato, perché avrebbe detto qualcosa in più sulla squadra granata, decisiva per il mercato, perché avrebbe potuto incidere sulle scelte della società, anche in termini di rafforzamento. Decisiva lo è stata ma non nel senso sperato. Certo, il Torino è rientrato dalla Liguria con qualche certezza, quella di avere una difesa solida capace di uscire indenne da un campo dove molte squadre titolate hanno fallito. E poi un’altra, meno felice, ossia la certezza di avere un attacco che in trasferta ha una media da retrocessione. Quasi è sembrato che il Toro volesse innanzitutto non prenderle, esattamente l’opposto di quanto accaduto solo pochi giorni prima contro il Napoli. Se battaglia c’è stata, non è accaduto per meriti dei granata, non del tutto. Quindi ora viene da chiedersi se con questo pareggio, 0-0, e con la mancata svolta, dovremmo rassegnarci ad andare avanti così fino a fine stagione. Senza rinforzi, per esempio sulle fasce. E senza sostituti all’altezza: cosa dovrebbe inventarsi Juric per vincere la partita con i cambi? Ecco il motivo delle parole del tecnico in conferenza stampa, quando ha spiegato che parlerà al club e che farà capire quello che vuole per “alzare il livello”. Questo è il nodo: scegliere cosa voler essere, più di un Toro da decimo posto o questa squadra qui, che tra alti e bassi galleggia. Il mercato darà la risposta.

Ivan Juric, head coach of Torino FC, looks on prior to the Serie A football match between Torino FC and Udinese Calcio.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 14-01-2024


128 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mavafancairo
1 mese fa

alzaci, alzaci, alzaci il livello, Uv-ba-nello alza sto livello !

e fu così che la cairese galleggiò per altri vent’anni …

Scimmionelli
1 mese fa
Reply to  mavafancairo

…. per la rabbia degli zerotreini mavafafioche’ che la vorrebbero colpita e affondata come ai tempi di Cimminelli.

(per la serie: “vuoi fallire?” SI’. “E perche’ vuoi fallire?” PER FARE PIACERE AI GOBBI)

mavafancairo
1 mese fa
Reply to  Scimmionelli

ai gobbi ci pensa già Cairotto tuo a fare piaceri (e viceversa), da ben 19 anni !

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
Reply to  mavafancairo

eh è da ben 19 anni che siete sul divano a non contrastarlo

Nel tuo caso, però, divano rigorosamente bianconero

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
Reply to  mavafancairo

gli zerotreini con l’avvicinarsi di Sanremo sono divenuti canterini L’altro giorno il tordo. Oggi 0.3mavafa Bene! Ora attendiamo che il terzo faccia ballare le sue amate scimmie, e il quarto i suoi adorati scro.ti. Poi il coretto è fatto A dire il vero il tordo, data la “bassezza” del commento,… Leggi il resto »

antitarzanellivari
1 mese fa

Ah fro.cio, troppo tempo qui a “ ricchioneggiare” come industriale e come travestito. Poco tempo da dedicare alla tua azienducola. 😀

Robilant1959!
1 mese fa

Magari fosse solo un bivio…

Dhrama
Dhrama
1 mese fa

Prima ancora dei giocatori acquistati, le ambizioni si valutano in base alla struttura societaria. La totale mancanza di strutture immobiliari è un segno. Ora abbiamo un settore di scouting, ma anch’esso è esternalizzato, meglio del nulla di prima, penserà qualcuno. Io vedo un imprenditore capace solo di tagliare, che gestisce… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
Reply to  Dhrama

Ecco, @Dhrama disegna un quadro di Cairo chiaramente a tinte fosche; asai critico. Ma lo fa su un merito sul quale CAIRO NON HA SCUSANTI!! E “stranamente” QUESTI COMMENTI PRENDONO SEMPRE IL MIO PLAUSO!!! Pensate, vado oltre, gli passerei persino la mancata costruzione di infrastrutture, di muri e cemento!! Se… Leggi il resto »

Il successo che alimenta i rimpianti

Altri due Zapata: allora sì che crederci sarebbe facilissimo