Torino-Sampdoria: Maresca nega un rigore a Belotti

di Carlo Quaranta - 4 Aprile 2019

Il punto sull’arbitro / Torino-Sampdoria: Maresca nega un rigore a Belotti, due volte al VAR nel primo tempo e sei ammonizioni in tutto: tre per parte

Dal punto di vista della cabala il Torino dovrebbe augurarsi di ritrovare Fabio Maresca anche in altre occasioni nella stagione corrente, magari sempre al Grande Torino, dal momento che con lui tra le mura amiche sono arrivate ben tre vittorie in altrettanti incontri (Empoli, Inter e Sampdoria appunto). Stavolta però non si può certo dire che l’arbitro partenopeo non abbia cercato di mettere i bastoni tra le ruote ai granata negando per due volte il penalty dopo aver effettuato l’on field review su suggerimento del VAR Aureliano. Al 14’ su cross da sinistra di Ansaldi, Baselli e De Silvestri saltano in area blucerchiata insieme a Murru che, leggermente sbilanciato, tocca col braccio il pallone che, deviato anche da Audero, carambola sulla traversa: Maresca assegna l’angolo a favore dei granata ma viene richiamato dal VAR per rivedere quanto successo ed alla fine opta per concedere il calcio di punizione a favore degli ospiti poiché il tocco di braccio di Murru è evidente ma l’azione fallosa di Baselli è precedente. La decisione è legittima.

Torino-Sampdoria / Giusta la prima decisione del VAR, errata nella seconda

Al 43’ su cross di Baselli, De Silvestri devia di testa fuori dallo specchio della porta ma contemporaneamente a centro area Andersen strattona vistosamente Belotti il quale cerca di liberarsi correttamente della marcatura del danese.

Nemmeno in quest’occasione Maresca nota scorrettezze ma ancora una volta il VAR lo soccorre e lo chiama a rivedere l’episodio al monitor: dopo qualche minuto, mentre tutto lo stadio si aspettava che indicasse il dischetto del rigore, il fischietto napoletano matura – non si sa come – l’idea di concedere anche in questo caso una punizione a favore della Sampdoria.

La decisione appare inspiegabile poiché le immagini dimostrano come Andersen cerchi dapprima di fare un blocco e successivamente strattoni reiteratamente e vistosamente il bomber granata che a sua volta non commette scorrettezze. Questa decisione bizzarra avrebbe potuto cambiare il corso della partita ma di lì a poco Belotti siglerà comunque il secondo gol.

Torino-Sampdoria / Sei ammonizioni, tutte nel secondo tempo

Nel secondo tempo non vi sono casi particolari, Maresca prosegue nella sua direzione piuttosto blanda non ravvisando alcuni interventi fallosi e inizia a distribuire qualche cartellino inevitabile: al 56’ il primo ammonito è Bereszynski che commette un’ostruzione su Ansaldi; al 61’ cartellino giallo per De Silvestri per un fallo tattico a centrocampo; al 76’ ammonizione sacrosanta per Murru che trattiene Parigini platealmente; all’86’ giusta anche la sanzione nei confronti di Rincon per un pestone a Praet; al 90’ il cartellino più pesante è per il diffidato Lukic, subentrato da appena un minuto a Berenguer, il quale commette un fallo “obbligato” su Tonelli; infine al 91’ anche Gabbiadini finisce sul taccuino dell’arbitro per una brutta entrata su Djidji.

Dopo questa partita il computo complessivo di Fabio Maresca con il Torino sale a sette incontri con cinque vittorie, un pareggio e una sconfitta.

più nuovi più vecchi
Notificami
ToroTo
Utente
ToroTo

Come sempre, conta solo il risultato. Avessimo pareggiato questo rigore sarebbe stato giustamente un caso enorme, così invece passa in cavalleria un errore palese e grave.

Benvenuti
Utente
Benvenuti

Vedo rigori date altre squadre meno visibili a me sa come al solito di essere di impiccio e diamo fastidio e non poco.quanti punti ci hanno tolti.si sarebbe altro Ke al quarto posto. E nonostante tutto siamo in lotta. Occhio ai aggiustamenti dall’alto.FORZA TORO

poggiardo granata69
Utente
poggiardo granata69

pessima direzione di Maresca

Benvenuti
Utente
Benvenuti

Solo

X